Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

Richiesta di preghiere

* * * * *

Per la Richiesta di Preghiere è possibile da oggi utilizzare il MODULO che si trova qui a sinistra.

Le intenzioni saranno oggetto della preghiera comunitaria durante l'incontro del
Gruppo di Preghiera Regina della Pace ogni Giovedì.

* * * * *

domenica 26 marzo 2017

Messaggio a Marija del 25 marzo 2017

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti ad aprire i vostri cuori alla misericordia di Dio affinché attraverso la preghiera, la penitenza e la decisione per la santità iniziate una vita nuova. Questo tempo primaverile vi esorta, nei vostri pensieri e nei vostri cuori, alla vita nuova, al rinnovamento. Perciò, figlioli, io sono con voi per aiutarvi affinché nella determinazione diciate SÌ a Dio e ai comandamenti di Dio. Non siete soli, io sono con voi per mezzo della grazia che l'Altissimo mi dona per voi e per i vostri discendenti. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.
Marija Pavlovic comunica a R. Maria
il Messaggio del 25 marzo 2017


grazie a Vittorio

sabato 25 marzo 2017

Video - Adorazione Eucaristica dell 23 Marzo 2017, presieduta da Fra Vjeko Milcevic

 

grazie della segnalazione a Vittorio


Gesù, tutto è qui e noi Ti adoriamo!
Anche noi, uomini fragili, siamo venuti a Te!
O Maria, grazie, perché anche Tu sei con noi!

Canto: Oh, o, oh! Adoramus Te, Domine..

Maestro e Signore nostro, Tu sei qui, Tu sei qui con noi: il volto
del Padre nell’Amore dello Spirito. Tutto è qui: il Tuo Amore, il Tuo Cuore,
il Tuo abbandono, la Tua Morte e la Tua Vita. Signore, noi Ti adoriamo! Noi
Ti adoriamo!

Canto: Tu sei Pace...

Signore, Tu sei qui e anche noi siamo qui. Maestro, noi siamo qui
accanto, ai Tuoi piedi, perché noi Ti abbiamo portato la nostra vita, Ti
abbiamo portato la nostra fede debole, ti abbiamo portato il nostro amore
vulnerabile, la nostra fragilità. Noi, uomini fragili, siamo venuti a Te. Il
Tuo Amore che si spezza, che si dona, si dona per la vita, l’Amore che
trasforma tutto. Ti adoriamo!

Canto: Gesù, Gesù! Eccomi io son davanti a Te!
Gesù, Gesù! Io mi dono a Te, o mio Signor! (X3)

O Maria, Madre d’amore, di silenzio e di abbandono, grazie perché
anche Tu sei con noi! Tu, insieme a noi, adori Tuo Figlio. Grazie perché Tu
ci istruisci e Tu ci istruisci come guardare il Suo volto, il Suo cuore, il
Suo Amore.
Signore e Maestro, Figlio di Maria, Ti adoriamo!

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica. Dio sia
benedetto.


Canto finale: Gospa, Maika moia, Kralica mira...



Fonte: (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero)

giovedì 23 marzo 2017

25 Marzo 2017 : Veglia di Preghiera in attesa del Messaggio Mensile da Medjugorje nella Chiesina di Padre Marella

unnamed


Sabato sera 25 marzo 2017, come ogni mese, nello spirito di Medjugorje e in unione con tutti i gruppi di preghiera d'Italia, si terrà la veglia di preghiera aperta a tutti in attesa del Messaggio a tutto il mondo, nella Chiesina di Padre Marella in Via del Lavoro n. 13,  Bologna, alle ore 21:00 : Adorazione del Santissimo Sacramento e preghiera del Santo Rosario, con la presenza e guida del sacerdote P. Roberto Viglino O.P.

image (1)
Con l’occasione ricordo anche gli altri appuntamenti del Gruppo di Preghiera Regina della Pace:
  • Giovedì 23 marzo 2017:  si terrà la consueta Veglia di Preghiera  settimanale alle ore 20:30  presso la Chiesina  di  Padre Marella in Via del Lavoro, 13 a Bologna
  • Sabato 25 marzo 2017: consueto pellegrinaggio mensile al Santuario della Madonna di S. Luca con partenza dal Meloncello alle ore 08:00 preghiera delle prime tre parti del S. Rosario salendo a piedi al Santuario, S. Messa alle ore 09:30 e quindi discesa pregando l’ultima parte del S. Rosario.

martedì 21 marzo 2017

Video - Preghiera di guarigione dell 19 Marzo 2017 guidata da Fra Perica Ostojić

 

 

Canto: Hvala, Criste...

Signore, eccomi stasera qui davanti a Te. Invoco la Tua presenza.
Tu vedi che tante cose nei miei pensieri mi allontanano da Te. Perciò Ti prego: entra nei miei pensieri e allontana tutto ciò che mi confonde, che non mi permette di abbandonarmi completamente a Te.
Signore, Tu vedi il mio cuore, vedi i dubbi, le paure e tutto ciò che opprime il mio cuore. Signore, Ti prego: entra nel mio cuore e riempilo col Tuo Amore, riempilo con la Tua Pace perché la Tua Pace sia il fondamento sul quale io potrò costruire i miei rapporti di vita.
Signore, entra in tutto il mio essere, perdona i miei peccati, purificami, trasformami.

Canto: Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...

Signore, adesso davanti a Te desidero togliere tutte le mie maschere. Tu mi conosci e conosci il mio cuore.
Desidero essere davanti a Te così come sono davanti a Te, con tutti i miei difetti, con tutte le mie debolezze, invocando la Tua presenza, perché so che, se Tu sei Dio Onnipotente, sei essere Onnipotente anche nella mia vita.
Signore, donami la forza, donami la grazia per poter lottare contro le mie debolezze, contro le mie difficoltà, contro le prove della mia vita.

Canto Jenky, Jesus... Kamsa, Jesu...

Infine, Signore, desidero offrirti tutti i miei dolori, tutte le mie ferite, soprattutto le ferite del peccato, ferite nate nei rapporti umani.
Ti offro in modo particolare le ferite della mia famiglia, ferite che non posso guarire. Signore, con la Tua Onnipotenza distruggi ogni peccato nella mia vita. Con la tua forza, fa’ che io sia capace di servirti in questo mondo.
Signore, Tu vedi che io sono debole, vedi che non più la forza, ma desidero credere che, quando Tu sei presente, tutto il resto perde la forza. Perciò, Signore, Ti do il mio cuore, Ti dono la mia vita. Guariscimi, trasformami, consacrami!

Kyrie, eleison...

La benedizione di Dio Onnipotente si versi su tutti, sulle vostre famiglie e su tutti coloro che sono nella nostra preghiera, nel Nome del Padre + e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Fonte: Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero

sabato 18 marzo 2017

Messaggio annuale a Mirjana del 18 marzo 2017

La veggente Mirjana Dragićević-Soldo ha avuto apparizioni giornaliere dal 24 giugno 1981 fino al 25 dicembre 1982. In occasione della sua ultima apparizione quotidiana, rivelandole il decimo segreto, la Vergine le rivelò che avrebbe avuto apparizioni annuali il 18 marzo e così è stato in tutti questi anni. Più di mille pellegrini si sono riuniti per la preghiera del rosario. L’apparizione è iniziata alle 13:44 ed è durata fino alle 13:48.

Cari figli! Il mio desiderio materno è che i vostri cuori siano riempiti di pace e che le vostre anime sino pure affinché alla presenza di mio Figlio possiate vedere il Suo volto. Perché, figli miei, come madre so che avete sete di consolazione, speranza e protezione. Figli miei, voi, coscientemente ed incoscientemente  cercate mio Figlio. Anch' io mentre trascorrevo il tempo terreno gioivo, soffrivo e con pazienza sopportavo i dolori finché il mio Figlio nella sua gloria li ha eliminati. Perciò dico a mio Figlio: Aiutali sempre! Voi, figli miei, con amore veritiero illuminate le tenebre dell'egoismo  che avvolgono sempre di più i miei figli.  Siate generosi.  Le vostre mani e il vostro cuore siano sempre aperti. Non temete. Abbandonatevi a mio Figlio con fiducia e speranza. Guardando verso di Lui vivete la vita con amore. Amare significa donarsi, sopportare e mai giudicare.  Amare significa vivere le parole di mio Figlio. Figli miei, come madre vi dico: soltanto l'amore veritiero guida alla felicità eterna. Vi ringrazio.

 

ScreenShot00020

mercoledì 15 marzo 2017

Video - Medjugorje - Preghiera di guarigione del 13 Marzo 2017 guidata da un giovane diacono francescano




Canto: Hvala, Criste...
Grande è l’uomo! O Dio, Tu l’hai creato a tua immagine. In questa creazione egli aveva un sincero rapporto con Te, un sincero rapporto con il prossimo e con tutto il mondo creato. In questa creazione tutto era giusto, ma la curiosità e l’attrazione del peccato ha fatto sì che l’uomo tradisse questo rapporto e si allontanasse da Te, si allontanasse dagli altri uomini e diventasse vulnerabile. Ma Tu non l’hai lasciato da solo: la Tua mano l’ha guidato sulla via della salvezza.

Canto: Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...

Come un vero padre, Tu hai accompagnato il Tuo popolo, lungo la strada della
sua vita: nella gioia e nella sofferenza, nella tristezza e nella gloria. Tu sei stato sempre presente: eri sempre lì. La Tua intenzione verso l’uomo si è mostrata in modo particolare nella persona di Gesù di Nazareth, Tuo Figlio. Il Lui ci hai mostrato il Tuo volto di misericordia. In Lui noi vediamo Te. In Lui vediamo come dobbiamo essere. Egli ci mostra la vera Via che porta a Te. Egli ci dice le parole che ci riportano a Te. Egli ci ha riconciliati con Te, ha ricostruito il nostro rapporto con Te e ha fatto rinascere la pace tra l’uomo e Dio, così che tutto è tornato buono.

Canto: Danke, Jesus... Merci, Jesu...
O Padre, fa’ che per mezzo del Tuo Spirito siamo veri figli Tuoi, fa’ che noi siamo Tuo popolo. Guariscici da tutte le nostre malattie e donaci la forza per poter superare tutti gli ostacoli che si frappongono tra Te e noi. La salute della nostra anima e del nostro corpo sia sempre in una relazione più perfetta con Te. Che la Tua bontà sia sui Tuoi figli. Signore, custodiscici, riempici con la Tua pace e guariscici con il Tuo Amore.

Canto: Kyrie, eleison...

Benedica voi, le vostre famiglie e tutti coloro per i quali avete pregato,
Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo. Amen.

Fonte: IdM (trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero)

Saverio Gaeta dissipa la confusione su Medjugorje

medjugorje_iz_zraka

 

Dal punto di vista ecclesiastico ciò che ha scritto Star Monsignor Ratko Peric non ha alcuna autorevolezza formale, ma ha il semplice valore di un parere personale come quello di ciascuno di noi. Non lo affermo io, ma l’allora segretario della Congregazione per la Dottrina della fede, Tarcisio Bertone, che nel 1998 mise per iscritto che «in quanto ordinario locale, ha sempre il diritto di esprimere quella che è e che rimane la sua personale opinione».
Sin dal 1991, infatti, il vescovo di Mostar venne esautorato dal compito di giudicare sulle apparizioni della Regina della Pace, affidato invece alla Conferenza episcopale della allora Iugoslavia. Successivamente la questione è stata presa in carico dalla Santa Sede, attraverso la Congregazione per la Dottrina della fede e la Commissione internazionale di inchiesta presieduta dal cardinale Camillo Ruini.
Il vero motivo di una reazione così scomposta da parte di monsignor Peric è che l’arcivescovo polacco Henryk Hoser è stato nominato inviato speciale della Santa Sede con la precisa missione «di acquisire più approfondite conoscenze della situazione pastorale di quella realtà e, soprattutto, delle esigenze dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio e, in base ad esse, suggerire eventuali iniziative pastorali per il futuro. Avrà, pertanto, un carattere esclusivamente pastorale».
Invece di mettere in luce la propria eventuale attività pastorale in favore dei parrocchiani di Medjugorje e dei pellegrini che a milioni vi sono giunti (forse perché non ve n’è traccia?), nel suo testo del 26 febbraio 2017 il vescovo Peric torna a proporre argomenti che continua a ripetere immutati da decenni. La consueta litania di contestazioni a frasi, pronunciate dai giovanissimi veggenti trentasei anni fa, che vengono estrapolate dal contesto e rivestite di una impropria rilevanza.
Ma, almeno, ci si limitasse a questo. Se uno non crede nelle apparizioni della Regina della Pace, liberissimo di affermarlo. Però correttezza vuole che, vere o presunte che siano, bisogna citare le parole della Vergine che i veggenti le attribuiscono, non quelle inventate da chissà chi. Mi limito a un esempio.
Scrive il vescovo Peric, sotto il titolo Anniversario fasullo: «Le presunte apparizioni sono iniziate il 24 giugno 1981. Tuttavia i registi del “fenomeno di Medjugorje” hanno deciso che l’anniversario non si celebrasse il 24 bensì il 25 giugno. La ragione della scelta è che il 25 giugno 1981 sarebbero stati insieme all’apparizione tutti e sei i veggenti scelti fra coloro che vantavano in quei giorni di avere “apparizioni”. A dire la verità, a smentire questa versione dei fatti, formulata da Vicka Ivankovic, è lo stesso Ivan Dragicevic il quale testimonia: “La prima sera sono stato con loro, la seconda non ci sono stato”. Fra i sei “veggenti” abituali, oltre a Marija Pavlovic, anche Jakov Colo ha presenziato per la prima volta all’”apparizione” il secondo giorno. Quindi la data dell’anniversario è arbitraria, inesatta, falsificata».
Peccato per lui che monsignor Peric, così accurato nel porre ben 35 note in calce al suo documento, non indichi la fonte della sua affermazione: semplicemente perché non esiste! Le cronache parrocchiali di San Giacomo fotografano infatti una realtà completamente diversa: in data 2 febbraio 1982, rispondendo alla domanda dei ragazzi: «Quando si deve celebrare la festa della Regina della pace?», le parole della Vergine sono citate così: «Vorrei che fosse celebrata il 25 giugno. I fedeli sono venuti per la prima volta sulla collina proprio quel giorno». L’assenza di Ivan nel gruppo dei veggenti di quel 25 giugno 1981, ben nota a tutti noi studiosi da sempre, non ha dunque nulla a che fare!
Si potrebbe continuare così a lungo. Ma un’altra affermazione del vescovo di Mostar è così grave da richiedere un’ulteriore considerazione. Scrive Peric, sotto il vergognoso titolo Toccamenti scandalosi: «L’apparsa permette che tocchino il suo corpo. Vicka la tocca già il secondo giorno e lo stesso ripete Ivanka. Tali storie sui toccamenti del corpo della Madonna creano in noi una sensazione e convinzione che si tratti di qualcosa indegno, inautentico e scandaloso. Qui non c’entra la Madonna cattolica!».
Purtroppo per lui, una volta ancora, la storia delle apparizioni mariane lo contraddice. Anche qui un esempio per tutti. Nel 1830 a Rue du Bac, con l’apparizione della Vergine della Medaglia miracolosa, che centinaia di milioni di devoti custodiscono nel portafoglio o nella borsetta, hanno avuto inizio le manifestazioni mariane dei tempi moderni. Con la semplicità che la contraddistinse, la veggente suor Catherine Labouré narrò: «Alzai, allora, gli occhi in volto alla Vergine e, senza più esitare, feci un balzo verso di lei e mi gettai sui gradini dell’altare poggiando le mani sulle ginocchia della santissima Vergine».

Saverio Gaeta


Fonte: newsletter by vannalvisepg@gmail.com

Star NdR : questa precisazione prende spunto da un articolo  pubblicato  il 26 febbraio 2017 dal Vescovo Monsignor Ratko Peric sul sito della Diocesi di Biskupije Mostar-Duvno e Trebinje-Mrkan, nel momento in cui è venuto a conoscenza che Papa Francesco ha inviato il vescovo polacco Hoser “allo scopo di acquisire più approfondite conoscenze della situazione pastorale di quella realtà e, soprattutto, delle esigenze dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio”.

Saverio Gaeta  è un giornalista e scrittore italiano, vaticanista di Famiglia Cristiana.  Ha scritto numerosi libri fra i quali L'ultima profezia. La vera storia di Medjugorje, Milano, Rizzoli, 2011 nel quale ha affrontato in maniera sistematica ed approfondita le Apparizioni di Medjugorje.

lunedì 13 marzo 2017

Video - Međugorje, Domenica 12 marzo 2017, preghiera di guarigione guidata da fra Marinko Šakota

 

Grazie a Vittorio

Canto: Hvala, Criste...

Gesù, ti ringraziamo. Grazie perché tu ci apri gli occhi e il cuore per capire l’Amore di Dio. Tu ci fai scoprire l’Amore di Dio. Tu dici che l’Amore di Dio è come il sole che illumina i buoni e i cattivi. Tu ci dici che Dio è un Padre misericordioso che allarga le mani e accoglie il figlio prodigo. Tu ci inviti a Te dicendo: “Venite a me voi tutti stanchi e oppressi, io vi darò la pace!” Gesù, apri i nostri cuori per ricevere l’Amore di Dio. Accresci la nostra fede. Accresci la nostra fiducia in Dio, per poterci aprire completamente a Te e per credere con tutto il cuore che Dio mi ama, che Dio mi perdona. , Signore, accresci in me la speranza per essere una persona di speranza, per non preoccuparmi angosciosamente del futuro, ma per credere in Te. Gesù, accresci in me la fede e la speranza, perché in me la paura non sia forte, ma che la fede e la speranza vincano la paura. Gesù, credo! Gesù, confido in Te!

Canto: Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...


Gesù, dammi l’Amore, affinché l’Amore apra il mio cuore Gesù dammi l’Amore, affinché l’Amore guarisca il mio cuore. Gesù, guarisci tutte le ferite del mio cuore. Signore, guarisci tutto quello che è doloroso in me. Gesù, dammi l’Amore verso la persona che non amo, la persona che non sopporto, la persona che non saluto. Dammi l’Amore verso la persona della quale parlo solo negativamente, Dammi l’Amore verso la persona che mi ha fatto del male. Gesù, dammi l’Amore, affinché l’Amore guarisca il mio cuore, così che io possa perdonare.

Canto: Danke, Jesus... Merci, Jesu...

Gesù, libera il mio cuore. Il mio cuore è imprigionato. Ti preghiamo: Signore, libera i nostri cuori! Se sono imprigionati dall’odio, Ti preghiamo per tutte e persone che sono imprigionate dalle cose materiali, Ti preghiamo per tutti coloro che sono imprigionati dai giochi d’azzardo, dall’alcool, dalla droga, dalla pornografia, per tutte le persone che sono imprigionate dall’influsso del maligno. Gesù, libera i nostri cuori! Gesù, libera i nostri cuori, affinché possa riconoscere tutto quello che mi toglie il tempo, tutto quello che mi imprigiona, così che non trovo tempo per la preghiera, per i membri della mia famiglia. Gesù, libera il mio cuore!

Canto: Jenky, Jesu... Graçias, Jesus...

Ti chiediamo, Gesù, la grazia di poter accettare la croce. Gesù, dammi la grazia di accettare me stesso così come sono, ad accettare il mio passato, ad accettare tutto quello che è, ad accettare l’handicap, la perdita di qualcuno, di accettare la malattia. Dammi la grazia, Signore, di accettare l’altra persona con la quale vivo, ad accettarla così come è. Gesù, dammi la grazia di accettare la croce, di abbracciare la croce. Signore, Ti presento tutte le persone malate nel corpo e nell’anima. Gesù, benedici loro! Gesù dona loro la tua pace! Secondo la Tua Volontà dona loro la salute nel corpo e nell’anima!

Il Signore sia con voi.
Vi benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo. Amen.


Fonte:  IdM (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero

mercoledì 8 marzo 2017

Preghiera di guarigione del 6 Marzo 2017 guidata da Fra Vjeko Milcevic


Canto: Hvala, Criste...


Signore Gesù, noi crediamo che tu sei Dio con noi, noi crediamo che il Tuo
Amore e la Tua Misericordia sono sempre presenti nella nostra vita, perché Tu sei nostro Signore. Signore, anche noi professiamo che Tu verrai di nuovo nella gloria, Dio che era, Dio che è e che sarà con noi. Signore, il Tuo Amore è misericordioso. Guarisci il nostro desiderio di incontrarti, perché Tu, Signore, trasformi tutto quello che hai creato: con la Tua venuta, sarà trasformato dal Tuo Amore. Ti preghiamo: fa che la nostra vita cristiana sia un cammino nel desiderio di questo Incontro, affinché, aperti al Tuo Amore, sappiamo trasformarci già adesso in questo mondo. Signore, Tu puoi farlo, con il Tuo Amore per la potenza del Tuo Spirito: fa che crediamo in questo per aprirti la nostra vita e donarti tutto quello che siamo. Risveglia il desiderio del Tuo Amore in noi. Guarisci la nostra fede. Abbi pietà di noi!

Canto: Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...

Signore, fa che da questo desiderio, dal desiderio dell’Incontro con Te, cresca la nostra preghiera. Signore, guarisci la nostra preghiera. Spesso essa è solo l’elenco dei nostri desideri, come se Tu non conoscessi il nostro cuore e la nostra vita, come se Tu non sapessi ciò di cui abbiamo bisogno e ciò che ci manca. Tu che hai pregato, insegnaci l’unione con il Padre e con lo Spirito. Fa’ che dalla nostra preghiera cresca l’Amore, affinché imparando a incontrare Te, sappiamo riconoscere il Tuo volto nei fratelli che ci circondano. Tu ci hai detto: “Qualsiasi cosa avrete fatto a qualcuno dei più piccoli, l’avete fatto a me.” Aiutaci a credere nelle Tue parole, Cambia i nostri occhi per saper riconoscere il tuo volto e il tuo amore nel prossimo, perché il nostro amore sia creativo nello spirito, nella semplicità dei nostri giorni, in modo nascosto e discreto, fatto non solo per abitudine o per dovere né col desiderio che altri ci vedano. Signore, insegnaci a desiderare Te, insegnaci ad amare e a pregare. Abbi pietà di noi!

Canto: Kamsa, Jesu... Danke, Jesus...


Signore Gesù, Tu ci hai detto: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace!”
Signore, noi abbiamo bisogno della Tua Pace, di questa Pace ha bisogno questo nostro mondo, pieno di guerre, di violenza, di odio e di versamento di sangue innocente, pieno di paura. Tu sei stato preannunciato come Principe della Pace. Per tuo Amore e per la Tua intenzione, la Tua Madre è venuta in mezzo a noi come Regina della Pace, parlando sempre di Te, della Tua Pace, del Tuo Amore. “È inquieto il nostro cuore, Signore, finché non si calma in Te.” Noi riconosciamo che la nostra vita è spesso circoscritta nella paura, paura della vita, ma possiamo venire davanti a Te. Perciò Ti
preghiamo: visitaci con la Tua Pace, visitaci con la potenza del Tuo
Spirito, per trovare in Te un vero riposo. Signore, benedici tutti noi! Abbi pietà di noi!

Canto: Merci, Jesu... Graçias, Jesus...


Signore, presentiamo davanti al tuo Amore tutti i fratelli e le sorelle che portano la croce della malattia nel corpo e nell’anima. Ti preghiamo per tutti i malati gravi. Ti preghiamo per tutti coloro che soffrono a causa del dolore del loro prossimo. Ti preghiamo per tutti coloro che non vedono il senso delle loro sofferenze, tutti coloro per i quali la croce è pesante, che pensano che Tu li hai puniti o abbandonati. Preghiamo per tutti i bambini malati. Ti preghiamo per tutti coloro che sono nella tenebra della disperazione. O Figlio del Dio Vivente, per noi e per la nostra salvezza Tu sei salito sul nuovo legno di vita, sulla Croce. Quel legno, attraverso di Te non è più il segno della morte, ma della vita, della vera vita. La sofferenza di questo mondo è sulle Tue spalle e nelle Tue ferite, ed è descritta dalla Croce. Poiché Tu ci hai amato, ogni nostra sofferenza è trasformata da Te per sempre, e anche la nostra morte. Tu sei vivo e risorto, ti sei vincitore. Ti preghiamo, o Signore, per i nostri fratelli e sorelle: se questa è la Tua santissima Volontà, se è per il bene dei Tuoi fedeli, dona loro la guarigione dai mali per la quale Ti pregano, innalzando lo sguardo verso Te, loro Dio. Perciò anche noi acclamiamo: Gesù, Figlio di Davide, Gesù, Figlio del Dio Vivente, abbi pietà di noi!

Canto: Kyrie, eleison...


La Tua benedizione, Signore, di pace e di amore, di riconciliazione, di fiducia e di guarigione, scenda su ciascuno di noi, su coloro per i quali siamo venuti a pregare, sulla Tua Santa Chiesa e sul mondo intero. Lo chiediamo a Te, Signore, Dio nostro, a Te che nell’unione dell’Amore trinitario vivi e regni, nel Nome del Padre + e Figlio e Spirito Santo.

Fonte: IdM (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero)

martedì 7 marzo 2017

Commento di Padre Livio al Messaggio a Mirjana del 2 marzo 2017

Messaggio a Mirjana del 2 marzo 2017

"Cari figli, con materno amore vengo ad aiutarvi ad avere più amore, il che significa più fede. Vengo ad aiutarvi a vivere con amore le parole di mio Figlio, in modo che il mondo sia diverso. Per questo raduno voi, apostoli del mio amore, attorno a me. Guardatemi col cuore, parlatemi come ad una Madre dei vostri dolori, delle vostre sofferenze, delle vostre gioie. Chiedete che preghi mio Figlio per voi. Mio Figlio è clemente e giusto. Il mio Cuore materno desidererebbe che anche voi foste così. Il mio Cuore materno desidererebbe che voi, apostoli del mio amore, parlaste con la vostra vita di mio Figlio e di me a tutti coloro che sono attorno a voi, in modo che il mondo sia diverso, in modo che ritornino la semplicità e la purezza, in modo che ritornino la fede e la speranza. Perciò, figli miei, pregate, pregate, pregate col cuore. Pregate con amore, pregate con le buone opere. Pregate perché tutti conoscano mio Figlio, che il mondo cambi, che il mondo si salvi. Vivete con amore le parole di mio Figlio. Non giudicate, ma amatevi gli uni gli altri, affinché il mio Cuore possa trionfare. Vi ringrazio!"


Commento di Padre Livio al messaggio del 2 marzo 2017


Per comprendere bene questo messaggio bisogna fare qualche semplice osservazione. Innanzitutto la Madonna ripete per ben sei volte la parola “pregate”: figli miei pregate, pregate, pregate col cuore. Pregate con amore, pregate con le buone opere. Pregate perché tutti conoscano mio Figlio”. Questa è la chiave di interpretazione del messaggio, cioè la preghiera compie miracoli nei nostri cuori e nel mondo. Senza preghiera non si può vivere.

Nel messaggio la Madonna ci fa capire che ha un obiettivo preciso: cambiare il mondo e ripete per quattro volte la parola mondo. Pregate perché “il mondo sia diverso”, poi ripete ancora “che il mondo sia diverso”, e poi “che il mondo cambi”, “che il mondo si salvi”.

Ma chi sono i soggetti che devono fare questo? Gli apostoli del suo amore. La Regina della Pace attraverso i messaggi a Mjriana ripete spesso, e in questo messaggio due volte, l’espressione: apostoli del mio amore. Chi dunque deve pregare? Gli apostoli del suo amore.

Chi sono gli apostoli del suo amore? Quelli che Lei ha radunato intorno a sé e che hanno risposto alla sua chiamata, sono quelli che devono guardare alla Madre col cuore, “guardatemi con il cuore”, dobbiamo parlare con Lei e magari sfogarci con Lei, raccontarLe i nostri dolori, le nostre sofferenze e le nostre gioie.

Gli apostoli del suo amore devono essere giusti e clementi come suo Figlio e con la propria vita devono parlare agli altri di Gesù e di Lei in modo tale che il mondo cambi.

Come deve cambiare il mondo? Il mondo deve cambiare nel senso di ritornare alla semplicità e alla purezza in modo tale che ritornino la fede e la speranza in questo mondo e così possa essere salvato.

Poi la Madonna conclude il messaggio dicendo agli apostoli del suo amore: “vivete con amore le parole di mio Figlio. Non giudicate, ma amatevi gli uni gli altri, affinché il mio Cuore possa trionfare”.

Questa dunque è la struttura del messaggio dove le parole fondamentali sono “pregate” e “il mondo”, perché sia diverso, perché cambi, perché si salvi, perché nel mondo ritornino la semplicità e la purezza, la fede e la speranza. I soggetti sono gli apostoli del suo amore, quelli che Lei ha radunato attorno a sé, che vivono con amore le parole di suo Figlio non giudicando, ma amando e così gli apostoli del suo amore diventano quelli che preparano il trionfo del suo Cuore Immacolato.

La Madonna guarda questo mondo e dice che questo mondo deve cambiare assolutamente, perché altrimenti corre sulla via della rovina. Come può cambiare?

Può cambiare attraverso di noi, cambiando noi stessi.

Vediamo ora il messaggio frase per frase.

"Cari figli, con materno amore vengo ad aiutarvi ad avere più amore, il che significa più fede. Vengo ad aiutarvi a vivere con amore le parole di mio Figlio, in modo che il mondo sia diverso”.

La Madonna viene per aiutarci, non viene per indicare se stessa, o per affermare se stessa, viene per aiutare noi in modo tale che viviamo con amore le parole del Vangelo, le parole di suo Figlio, e così facendo, aiutando noi, intende cambiare il mondo.

Per questo raduno voi, apostoli del mio amore, attorno a me”.

Per questo la Madonna appare a Medjugorje da così tanto tempo, per questo ha raggruppato attorno a sé gli apostoli del suo amore che sono quelli che hanno risposto alla sua chiamata e dice loro: “Guardatemi col cuore, parlatemi come ad una Madre dei vostri dolori, delle vostre sofferenze, delle vostre gioie”. Vorrei invitarvi ad avere una bella immagine della Madonna nelle vostre case, Lei che vi guarda con amore e ogni giorno fermatevi davanti a parlare con Lei. Parliamo, sfoghiamoci, offriamo, ascoltiamo.

Chiedete anche che preghi mio Figlio per voi”, “prega per noi peccatori”. “Mio Figlio è clemente e giusto”. Misericordia e giustizia vanno sempre insieme, non c’è misericordia che non sia giusta e non c’è giustizia che non sia misericordiosa. Gesù è la misericordia perciò è clemenza e giustizia.

Il mio Cuore materno desidererebbe che anche voi foste così”, uomini

clementi e giusti, dove la parola giustizia significa conformità della propria vita alla volontà di Dio.

Il mio Cuore materno desidererebbe che voi, apostoli del mio amore”, apostoli vuol dire missionari, “parlaste con la vostra vita”, non tanto con le parole, “di mio Figlio e di me a tutti coloro che sono attorno a voi”. Le parole oggi sono svalutate, è un fiume immenso di foglie secche che il vento porta via. È la presenza di Gesù nei tuoi occhi, nel tuo sorriso, nella tua vita che fa sì che gli altri prestino orecchio quando parli della Madonna e di suo Figlio,

in modo che il mondo sia diverso, in modo che ritornino la semplicità e la purezza, in modo che ritornino la fede e la speranza”. E così vivendo Gesù nel proprio cuore, vivendo Maria nel proprio cuore, noi cambiamo noi stessi e il mondo diventa diverso.

E così nel mondo ritorna la vita semplice per cui attraverso le piccole cose scorgiamo la presenza di Dio nella nostra vita, la purezza e la Madonna ha detto che il mondo non tiene più conto della purezza, della purezza dell’anima, si vive nel peccato. Insieme alla semplicità e alla purezza ritornino la fede e la speranza. Anche nel messaggio precedente la Madonna ha detto “le radici della fede sono la preghiera e la speranza”.

Perciò, figli miei, pregate, pregate, pregate col cuore”.

Intensifichiamo la preghiera quotidiana, dobbiamo pregare continuamente, cercare Dio giorno e notte, dire le nostre preghiere, il Rosario, nella Quaresima la Via Crucis, la meditazione davanti alla Croce, guardare con amore Gesù Crocifisso. “Pregate con amore, pregate con le buone opere”, e anche le buone opere sono preghiera.

Pregate perché tutti conoscano mio Figlio, che il mondo cambi, che il mondo si salvi”. Preghiamo per la conversione del mondo, perché gli uomini ritornino alla fede, perché cerchino non l’uomo, ma Dio.

Dobbiamo pregare perché tutti conoscano Gesù, Lui solo è il Salvatore del mondo, Lui solo è la via, la verità e la vita, Lui solo è il mediatore tra Dio e gli uomini, è il solo Salvatore, il solo Signore, testimoniarLo con la nostra vita, in modo tale che il mondo cambi e che il mondo si salvi.

Non solo pregare, ma “vivete con amore le parole di mio Figlio”.

Non giudicate, ma amatevi gli uni gli altri”, questo è un programma di vita, giudicare è come dire: “io sono buono e gli altri sono cattivi”.

Guardiamo tutti con passione e con amore, più sono lontani, più guardiamoli con compassione, “affinché il mio Cuore possa trionfare”, e così noi, apostoli del suo amore, aiutiamo la Madonna e il suo Cuore Immacolato a trionfare, ma questo trionfo avviene nei nostri cuori e poi si diffonde nel mondo.

Vi ringrazio!"

In questo messaggi c’è tutta la preoccupazione della Madonna che il mondo si perda. Vi do un consiglio: scrivete il messaggio del 25 febbraio e il messaggio del 2 marzo e così ogni giorno leggetelo, fino al mese prossimo e vedrete che ricchezza straordinaria troverete, quale nutrimento spirituale per la vostra anima e vi renderete conto che lo capirete ogni volta di più, chiedendo anche la grazia dello Spirito Santo per farvi comprendere queste bellissime parole della nostra Madre.

Trascrizione dall’originale audio ricavata dal sito: www.medjugorjeliguria.it