Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

Richiesta di preghiere

* * * * *

Per la Richiesta di Preghiere è possibile da oggi utilizzare il MODULO che si trova qui a sinistra.

Le intenzioni saranno oggetto della preghiera comunitaria durante l'incontro del
Gruppo di Preghiera Regina della Pace ogni Giovedì.

* * * * *

mercoledì 20 settembre 2017

25 settembre 2017 : Veglia di Preghiera in attesa del Messaggio Mensile da Medjugorje nella Chiesina di Padre Marella

unnamed
  
  
Lunedì 25 settembre 2017, come ogni mese, nello spirito di Medjugorje e in unione con tutti i gruppi di preghiera d'Italia, si terrà la veglia di preghiera aperta a tutti in attesa del Messaggio a tutto il mondo, nella Chiesina di Padre Marella in Via del Lavoro n. 13,  Bologna, alle ore 21:00 : Adorazione del Santissimo Sacramento e preghiera del Santo Rosario, con la presenza e guida del sacerdote P. Roberto Viglino O.P.
image (1)
Con l’occasione ricordo anche gli altri appuntamenti del Gruppo di Preghiera Regina della Pace:
  • Giovedì 28 settembre 2017:  si terrà la consueta Veglia di Preghiera  settimanale alle ore 20:30  presso la Chiesina  di  Padre Marella in Via del Lavoro, 13 a Bologna
  • Sabato 30 settembre 2017: consueto pellegrinaggio mensile al Santuario della Madonna di S. Luca con partenza dal Meloncello alle ore 08:00 preghiera delle prime tre parti del S. Rosario salendo a piedi al Santuario, S. Messa alle ore 09:30 e quindi discesa pregando l’ultima parte del S. Rosario.

martedì 19 settembre 2017

NOSTRA SIGNORA DI LA SALETTE

La Madonna è apparsa a La Salette per il mondo intero


Un giorno d'autunno

Verso la metà del mese di settembre 1846, un contadino degli Ablandins, Pietro Selme, ha il suo pastorello malato. Scende a Corps, presso un suo amico, il carradore Giraud. "Imprestami il tuo Massimino per alcuni giorni..." "Massimino pastore? ... E' troppo distratto per farlo!" Si discute, si patteggia e il 14 settembre ecco il piccolo Massimino agli Ablandins. Il 17 intravede Melania al villaggio. Il 18 vanno a pascolare i loro armenti sui prati comunali, sul monte Sous-les-Baisses (il Planeau). Nel pomeriggio Massimino tenta di chiacchierare, Melania non ne ha tanta voglia. Nondimeno scoprono un punto in comune: sono entrambi di Corps: allora si discorre, si decide di venire a pascolare insieme l'indomani alto stesso posto.

Sugli alpeggi

Dunque, il sabato 19 settembre 1846, di buon mattino, i due fanciulli salgono i versanti del monte Planeau, con quattro mucche; e con Massimino, anche la capretta e il suo cane Lulù. Verso mezzogiorno, suona l'Angelus sul campanile del villaggio sottostante. Allora i pastorelli dirigono le loro mucche verso la fontana delle bestie, una semplice pozzanghera formata dal ruscello che scende attraverso il valloncello della Sezia. Poi le sospingono verso una prato pianeggiante del monte Gargas. Fa caldo, le bestie cominciano a ruminare. Massimino e Melania risalgono la conca fino alla fontana degli uomini, presso la quale consumano il loro pasto frugale: pane e formaggio e acqua fresca a volontà. Altri pastorelli che pascolano più in basso li raggiungono e conversano un po'. Alla loro partenza, Massimino e Melania attraversano il ruscello, scendono alcuni passi verso dei banchi di pietre ammucchiate presso l'alveo di una sorgente asciutta: è la piccola fontana. Melania vi depone il suo tascapane e Massimino il suo blusotto con il pranzo.

L'altro fulgore

Contro ogni abitudine, i due fanciulli si stendono sull'erba e... si assopiscono. Si sta bene al sole di quella fine d'estate, nessuna nuvola in cielo. Il mormorio del ruscello accresce la calma e il silenzio della montagna. Il tempo scorre.Bruscamente Melania si sveglia a scuote Massimino: "Massimino, vieni presto, andiamo a vedere le nostre mucche... Non so dove siano!" In tutta fretta, salgono il versante opposto al Gargas. Rigirandosi scoprono l'alpeggio: le loro mucche stanno tranquillamente ruminando. I due pastorelli sono rinfrancati. Melania comincia a ridiscendere. A mezza costa, si arresta e stupefatta lascia cadere il suo bastone: "Massimino, vieni a vedere laggiù una luce".Presso la piccola sorgente, su un mucchio di pietre... un globo di fuoco. "Come se il sole fosse caduto lì". Eppure il sole continua a splendere in un cielo senza nubi. Massimino accorre, gridando: "Dov'è? dov'è?" Melania addita il fondo del valloncello dove avevano dormito. Massimino si ferma vicino a lei, raggelato dalla paura e le dice: "Riprendi il tuo bastone, sù! Io tengo il mio e gli do' un buon colpo se ci fa qualche cosa". Lo splendore si muove, ruota su se stesso. Le parole difettano ai due fanciulli per descrivere l'impressione di vita che si irradia da quel globo di fuoco. una donna vi appare, seduta, la testa tra le mani, i gomiti sulle ginocchia, nell'atteggiamento di profonda mestizia.

La Bella Signora

La Bella Signora si alza. Essi non si sono mossi. Dice loro in francese:

Avvicinatevi, figli miei, non abbiate paura; sono qui per narrarvi una grande notizia.

Allora discendono verso di lei.La fissano. Non cessa di piangere: "Si sarebbe detta una mamma percossa dai figli e fuggita sulla montagna per piangere". La Bella Signora è alta e tutta luminosa. Veste come le donne della regione: lunga tunica, un grande grembiule alla vita, uno scialle incrociato e annodato dietro, una cuffia da contadina. Delle rose incoronano la testa, orlano il suo scialle e i suoi calzari: sulla fronte splende un fulgore simile a un diadema. Sulle spalle pesa una lunga catena. Una catenina trattiene sul petto un crocifisso sfavillante, con ai lati un martello e delle tenaglie.

Quello che dice sulla montagna

La Bella Signora parla ai due pastorelli: "Ha pianto tutto il tempo che ci ha parlato". Insieme o separatamente, i due fanciulli dicono le stesse parole, con leggere varianti che non alterano il significato. E questo non importa quali siano gli interlocutori: pellegrini o semplici curiosi, alte personalità o ecclesiastici, inquirenti o giornalisti. Siano favorevoli, senza pregiudizi o malevoli: ecco quello che è loro trasmesso:

Avvicinatevi, figli miei, non abbiate paura: sono qui per comunicarvi una grande notizia!
"Noi ascoltavamo, non pensavamo a niente". Come Massimino e Melania, lasciamo risuonare dentro di noi ciò ch'ella ha detto sulla montagna.

Con loro, ascoltiamola fissando sul suo petto il crocifisso raggiante di gloria.

Il messaggio di Maria a La Salette

L’apparizione di La Salette avviene il 19 settembre 1846. In giorno di SABATO alle tre del pomeriggio : una "Signora" appare a Melania e Massimino di 15 e 11 anni che assistono le mucche al Planeau sulla montagna a 1800 metri d’altezza.

I pastorelli scorgono come un globo di luce in mezzo ad un avvallamento essi dicono:"come se fosse il sole caduto in quel luogo!".Nella luce abbagliante scorgono una donna seduta ,con i gomiti sulle ginocchia ed il viso nascosto tra le mani.

La "Signora" li guarda e, dirigendosi un po’ verso loro comincia a parlare nella loro lingua, il francese: I due veggenti scendono nel pendio e raggiungono la visione a tal punto da quasi "confondersi " con essa…La Signora piange a dirotto…e, con lacrime copiose prende a parlare loro con quelle parole che sono giunte a noi come "MESSAGGIO"!

Il colloquio avviene prima in francese poi in dialetto, ed infine ancora in francese.

"AVVICINATEVI FIGLI MIEI, NON ABBIATE PAURA: SONO QUI PER ANNUNCIARVI UN GRANDE MESSAGGIO."

"SE IL MIO POPOLO NON VUOLE SOTTOMETTERSI, SONO COSTRETTA A LASCIAR LIBERO IL BRACCIO DI MIO FIGLIO. ESSO E’ COSI’ FORTE E COSI’ PESANTE CHE NON POSSO PIU’ SOSTENERLO."

"DA QUANTO TEMPO SOFFRO PER VOI! POICHE’ HO RICEVUTO LA MISSIONE DI PREGARE CONTINUAMENTE MIO FIGLIO , VOGLIO CHE NON VI ABBANDONI, MA VOI NON CI FATE CASO. PER QUANTO PREGHERETE E FARETE , MAI POTRETE COMPENSARE LA PENA CHE MI SONO PRESA PER VOI".

"VI HO DATO SEI GIORNI PER LAVORARE , MI SONO RISERVATO IL SETTIMO,E NON ME LO VOLETE CONCEDERE. E’ QUESTO CHE APPESANTISCE TANTO IL BRACCIO DI MIO FIGLIO "!

"ANCHE I CARRETTIERI NON SANNO CHE BESTEMMIARE IL NOME DI MIO FIGLIO…"

"QUESTE SONO LE DUE COSE CHE APPESANTISCONO TANTO IL BRACCIO DI MIO FIGLIO".

"SE IL RACCOLTO SI GUASTA LA COLPA E’ VOSTRA. VE L’ HO FATTO VEDERE L’ANNO PASSATO CON LE PATATE: VOI NON CI AVETE FATTO CASO. ANZI QUANDO NE TROVAVATE DI GUASTE BESTEMMIAVATE IL NOME DI MIO FIGLIO. ESSE CONTINUERANNO A MARCIRE E QUEST’ ANNO, A NATALE NON VE NE SARANNO PIU’.VOI NON CAPITE FIGLI MIEI? VE LO DIRO’ DIVERSAMENTE".

"SE AVETE DEL GRANO, NON SEMINATELO. QUELLO SEMINATO SARA’ MANGIATO DAGLI INSETTI E QUELLO CHE MATURERA’ CADRA’ IN POLVERE AL MOMENTO DELLA BATTITURA. SOPRAGGIUNGERA’ UNA GRANDE CARESTIA .PRIMA DI ESSA I BAMBINI AL DI SOTTO DEI SETTE ANNI SARANNO COLPITI DA CONVULSIONI E MORIRANNO TRA LE BRACCIA DI COLORO CHE LI TERRANNO. GLI ALTRI FARANNO PENITENZA CON LA CARESTIA. LE NOCI SI GUASTERANNO E L’UVA MARCIRA’".

La conversazione tra la Signora e i veggenti continua con l’affidamento di una segreto….

Segreto cui fa seguito :

"SE SI CONVERTONO , LE PIETRE E LE ROCCE SI MUTERANNO IN MUCCHI DI GRANO E LE PATATE NASCERANNO DA SOLE NEI CAMPI."

Quindi confidenzialmente e maternamente la Vergine dice ai suoi amici:

"DITE LA VOSTRA PREGHIERA , FIGLI MIEI?"

- non molto Signora - rispondono

"AH, FIGLI MIEI ,BISOGNA DIRLA E BENE , SERA E MATTINO. QUANDO NON AVETE TEMPO , DITE ALMENO UN PADRE NOSTRO O UN’AVE. QUANDO POTRETE FAR MEGLIO , DITENE DI PIU".

"A MESSA, D’ESTATE, VANNO SOLO ALCUNE DONNE PIU’ ANZIANE . GLI ALTRI LAVORANO DI DOMENICA, TUTTA L’ESTATE. D’INVERNO QUANDO NON SANNO CHE FARE, VANNO A MESSA MA PER BURLARSI DELLA RELIGIONE"

"IN QUARESIMA VANNO ALLA MACELLERIA COME CANI".

"AVETE MAI VISTO DEL GRANO GUASTO , FIGLI MIEI’"

- no , Signora! - rispondono.

Ora la Signora si rivolge a Massimino:

"MA TU, FIGLIO MIO,DEVI AVERLO VISTO UNA VOLTA CON TUO PADRE NEL CAMPO DEL COIN. IL PADRONE DEL CAMPO DISSE A TUO PADRE DI ANDARE A VEDERE IL SUO GRANO GUASTO. VI ANDASTE TUTTI E DUE,PRENDESTE IN MANO DUE O TRE SPIGHE,LE STROPICCIASTE E TUTTO CADDE IN POLVERE. AL RITORNO, QUANDO ERAVATE A MEZZ’ORA DA CORPS, TUO PADRE TI DIEDE UN PEZZO DI PANE DICENDOTI:"PRENDI , FIGLIO MIO, MANGIA ANCORA DEL PANE QUEST’ANNO PERCHE’ NON SO CHI NE MANGERA’ L’ANNO PROSSIMO,SE IL GRANO CONTINUA IN QUESTO MODO."

"Oh ,si , Signora ,ora ricordo. Prima non me lo ricordavo più"

Il colloquio con la Vergine ha termine con un accorato appello:

"EBBENE,FIGLI MIEI ,LO FARETE CONOSCERE A TUTTO IL POPOLO"

"ANDIAMO , FIGLI MIEI ,FATELO CONOSCERE A TUTTO IL POPOLO"

Detto ciò si eleva da terra e, lentamente si solleva verso il Collet :qui è raggiunta dagli sguardi attoniti di Massimino e Melania che vedono la Sua figura dileguarsi e confondersi con la luce di cui è avvolta , quindi scompare anche la luce…

Le Profezie si avverarono

La Santa Vergine  durante l’apparizione ricordò ai ragazzi che l’anno precedente, il 1845, le patate erano marcite  e profetizzò che avrebbero continuato a marcire  al punto che a  Natale non ce ne sarebbero più state. Lo stesso disse del grano e dell’uva, informandoli che si sarebbe verificata una grande carestia.

Effettivamente nel 1845 un fungo, che fu individuato nella Phytophthora infestans, aveva iniziato a distruggere i raccolti di patate, che erano l’alimento principale della popolazione. L’anno successivo, quello in cui la Madonna era comparsa ai due fanciulli, i contadini avevano piantato semi infetti, per cui tutto il raccolto andò in rovina. Il fenomeno non riguardò solo la Francia ma si verificò in tutta l’Europa: Belgio, Prussia, Svizzera, Italia, nessun Paese scampò all’infestazione. Soprattutto in Irlanda produsse una vera catastrofe alimentare, tanto che ancora oggi il 1847 viene ricordato come "l'anno nero" (Black 1847) perché infuriarono massimamente la carestia  e tutte le malattie che sempre l’accompagnano come il tifo, il colera e la gastroenterite infettiva. Dal 1845 al 1850 il fungo distrusse tutte le piantagioni di patate e la popolazione irlandese, poco più di ottomila abitanti, si ridusse di circa tre milioni fra morti ed emigrati, che si recarono principalmente in America. L’infestazione fu definitivamente debellata solo nel 1852.

Ancora ai giorni nostri si studiano le ragioni di quell’epidemia, tant’é che,  come riporta la rivista Le Scienze, studiosi della North Carolina State University  dal 2001 al 2004 hanno effettuato analisi del DNA di alcune foglie di piante di patate vecchie di 150 anni, conservate dal tempo della carestia, scoprendo che la Phytophthora infestans che contagiò l’Europa è di una varietà diversa da quella allora ritenuta responsabile.

Come la S. Vergine aveva preannunciato, anche all’uva non capitò di meglio. Racconta lo scrittore storico Vittorio Messori: “ Io sono andato a studiare cosa successe all’uva in Francia dopo il 1846 e ho scoperto cose incredibili. L’anno dopo le apparizioni, fece la sua comparsa un fungo parassita che aggredisce l’uva, spargendo una malattia detta “oidio”. Si tratta di una malattia della vite che mai si era vista in Francia prima di allora. Fece moltissimi danni e quando scomparve, si manifestò subito la filossera, un pidocchio microscopico che distrusse la metà dei vigneti di tutto il Paese. Venne trovato un rimedio per la filossera ma comparve immediatamente la peronospera, una malattia sconosciuta in Europa ed originaria dall’America. Le poche viti che erano riuscite a scampare ai due flagelli precedenti vennero annientate dal nuovo male. Ho fatto delle ricerche negli archivi e nelle biblioteche francesi: in Francia non esiste una sola specie di vite che sia anteriore al 1847. Tutte quelle allora già esistenti morirono. Una terribile previsione che si avverò in pieno”.

Anche queste epidemie, come quella delle patate, si sparsero in tutta l’Europa e occorsero decenni per combatterle e debellarle. Inoltre si dovette ricorrere a nuovi innesti fatti arrivare dall’America e modificare completamente le tecniche della viticoltura.

Ovviamente i danni non furono solo alimentari, come per le patate, ma furono maggiormente  di carattere economico, perché colpivano le attività lavorative e produttive della popolazione, creando maggior miseria.

Non vi è motivo di dubitare che la profezia riguardante il grano si sia ugualmente avverata, anche se gli storici, come cause della Grande Carestiadel XIX secolo, ricordano principalmente le infestazioni delle patate e dell’uva.

Il giudizio

Il 19 settembre 1851, Mons. Filiberto de Bruillard, vescovo di Grenoble, pubblica finalmente il suo Decreto Dottrinate:
"Noi giudichiamo che l'Apparizione della Madonna ai due pastorelli, il 19 settembre 1846, su una montagna della catena delle Alpi, situata nella parrocchia de La Salette, vicaria foranea di Crops, reca in se stessa tutti i caratteri della verità e i fedeli hanno fondate ragioni per crederla indubitabile e certa." La risonanza di questo decreto è considerevole. Numerosi vescovi lo fanno leggere nelle parrocchie delle loro diocesi. La stampa se ne appropria pro o contro. Tradotto in alcune lingue, è pubblicato in modo particolare sull' "Osservatore Romano" del 4 giugno 1852. Lettere di felicitazioni affluiscono al vescovado di Grenoble.
L'esperienza e il senso pastorale di Mons.Filiberto de Brullard non si fermano qui. Il primo maggio 1852, pubblica una Lettera Ufficiale in cui annuncia la costruzione di un santuario sulla montagna de La Salette e la creazione di un corpo di missionari diocesani che si chiameranno: i Missionari di Nostra Signora de La Salette. Ma aggiunge: "La madonna è apparsa a La Salette per il mondo intero: chi ne può dubitare?" L'avvenire avrebbe confermato e superato quelle attese: il ricambio essendo assicurato, si può ben dire che Massimino e Melania hanno adempiuto la loro missione.
Il 19 settembre 1855, Mons. Ginoulhiac, nuovo vescovo di Grenoble, compendiava così la situazione: "La missione dei fanciulli è terminata, comincia quella della Chiesa". Innumerevoli sono oggi gli uomini e le donne di ogni lingua che hanno trovato nel messaggio de La Salette, la strada della conversione, l'approfondimento della loro fede, il dinamismo per la vita quotidiana, le ragioni del loro impegno con e nel Cristo al servizio degli uomini.

Il Santuario de La Salette

È situato in piena montagna, a 1.800 metri di altezza, sulle Alpi francesi. L'edificio religioso e il complesso ricettivo sono affidati dalla diocesi di Grenoble alle premurose cure dell'Associazione dei Pellegrini de La Salette. I Missionari e le Suore di Nostra Signora de La Salette ne assicurano l'animazione e il funzionamento in collaborazione con i cappellani, diocesani e religiosi, le religiose e i laici. Numerose sono le possibilità offerte ai pellegrini: lettura della Parola di Dio, condivisione su un determinato tema, riunioni ed incontri con i cappellani, mostre missionarie e vocazionali, collaborazione data ai vari gruppi, accoglienza dei bambini, ecc... La giornata é ritmata dalla celebrazione eucaristica, dall'ufficio divino, dalle veglie di preghiera, dalle processioni, dalla preghiera del Rosario e dalla Via Crucis... senza dimenticare la preghiera silenziosa sempre possibile sui pendii della montagna o nelle cappelle adibite allo scopo.

I Primi Testimoni

Massimino Giraud

Massimino Giraud è nato a Corps, il 26 agosto 1835. Sua madre, Anna Maria Templier, è anch'essa di Corps. Il padre di Massimino, Germano Giraud, è venuto da un distretto vicino. Massimino ha solo 17 mesi quando muore la sua mamma, che lascia anche una bambina di 8 anni, Angelica. poco dopo, il babbo si risposa. Massimino crescerà all'avventura: il carradore è all'officina o all'osteria: sua moglie non sente attrattiva per quel monello troppo vivace, spensierato che non rimane in casa, preferendo gironzolare per le stradine di Corps, attorno alle diligenze e alle vetture, o a correre col suo cane e la sua capretta. Il fanciullo è volentieri bricconcello, l'occhio vivo sotto il nero ciuffo scarmigliato e la lingua sempre sciolta. Durante l'Apparizione, mentre la Bella Signora si rivolge a Melania, fa girare il cappello sulla punta del suo bastone o sospinge sassolini fin sotto i piedi della Bella Signora. "Non uno però l' ha toccata" risponderà senza imbarazzo agli inquirenti. Cordiale appena si sente amato, malizioso quando lo si vuol riprendere. La sua adolescenza fu difficile. Nei tre anni che seguono l'Apparizione perde il fratellastro Giovanni Francesco, la matrigna Maria Court e il papà Germano Giraud. E' posto sotto la tutela del fratello di sua madre, lo zio Templier, uomo rude e interessato. A scuola i suoi progressi sono modesti. La Superiora, suor Tecla, che veglia su di lui, lo chiama "moto perpetuo!" Aggiungendo a questo le pressioni fanatiche dei partigiani d'un sedicente figlio di Luigi XVI che vogliono sfruttarlo a fini politici. Massimino li beffa con frottole. Contro l'espresso parere del parroco di Corps e non tenendo conto della proibizione del vescovo di Grenoble, questi messeri conducono l'adolescente ad Ars. Massimino non ama la loro comapagnia, ma apprezza l'occasione che gli si presenta per vedere un po' di mondo. Sono accolti dall'imprevedibile Don Raymond, viceparroco del santo Curato, il quale, di colpo, tratta La Salette d'imbroglio colossale e Massimino di fosco bugiardo. Durante la mattinata del 25 settembre 1850, incontra due volte il santo in confessorio. Che cosa ha potuto raccontare l'adolescente esasperato? Il risultato è che per alcuni anni il santo curato non cesserà di dubitare e di soffrire. Dopo il decreto del 19 settembre 1851, rimanderà i suoi interlocutori al giudizio del vescovo responsabile: ci vorranno anni di prova e alcuni miracoli per convincerlo a dare il suo assenso all'Apparizione, ritrovando la pace. In quanto a Massimino, pur affermando con vigore di non essersi mai smentito, si troverà molto impacciato nel giustificare il suo comportamento. Basta elencare i luoghi dov'è passato per farsi un'idea di quanto il giovane abbia viaggiato. Dal Seminario minore di Grenoble (Rondeau) alta Grande Certosa, della parrocchia di Seyssins a Roma; da Dax e Aire-sur-Adour al Vésinet, poi al collegio Tonnerre, a Petit Jouy vicino a Versailles e a Parigi. Seminarista, poi impegnato in un ospizio, studente di medicina, bocciato al baccellerato, lavora in una farmacia; si arruola come zuavo pontificio, annulla il suo ingaggio dopo sei mesi e ritorna a Parigi. Avendo il giornale La Vie Parisienne attaccato La Salette, Massimino lo querela e ottiene una rettifica. Nel 1866 pubblica un opuscolo La mia professione di fede sull'Apparizione della Madonna della Salette. Durante quel periodo, i coniugi Jourdain, una coppia tutta dedita al suo servizio, gli assicura un'apparente stabilità, paga i suoi debiti fino al rischio di rovinarsi. Massimino accetta allora di fare il socio d'un mercante di liquori che sfrutta la notorietà del pastorello per accrescere le sue vendite. L'imprevidente Massimino non riesce a far quadrare i suoi conti. Nella guerra del 1870 è mobilitato al Forte Barrau a Grenoble. Finalmente ritorna a Corps, dove lo raggiungono i coniugi Jourdain. Tutti e tre vivono poveramente, aiutati dai Missionari, d'intesa col vescovado. Nel novembre del 1874 risale a La Salette: dinanzi a un uditorio particolarmente attento e commosso, rifà il racconto dell'Apparizione come il primo giorno. Sarà per l'ultima volta. Il 2 febbralo 1875 si reca nella chiesa parrocchiale per l'ultima volta. La sera del 1 marzo, Massimino si confessa, riceve il viatico sorbendo un po' d'acqua della Salette per inghiottire l'ostia. Cinque minuti dopo rende la sua anima a Dio. Non aveva ancora quarant'anni. La sua salma riposa nel cimitero di Corps ma il suo cuore è nella basilica de La Salette, vicino alla consolle dell'organo. Era la sua ultima volontà: "Credo fermamente, anche a prezzo del mio sangue, alla celebre Apparizione della SS. Vergine sulla Santa Montagna de La Salette, il 19 settembre 1846: Apparizione che ho difeso con parole, scritti e sofferenze... con questi sentimenti offro il mio cuore a N. S. de La Salette". Col suo testamento, questo poveretto non aveva più nulla da lasciare che la sua fedeltà alla fede della Chiesa. Il monello accattivante e volubile com'è sempre rimasto, ha finalmente trovato, presso la Bella Signora, l'affetto e la pace di Dio.

Melania Calvat

Melania è nata a Corps, il 7 novembre 1831, in una famiglia numerosa. Il padre Pietro Calvat, conosciuto come boscaiolo, si adatta a tutti mestieri che gli vengono offerti. La madre, Giulia Barnaud, avrà da lui dieci figli. Melania è la quarta. Si è poveri al punto da mandare alle volte i piccoli a mendicare per le strade. Molto presto Melania è collocata a servizio come pastorella presso i contadini dei dintorni. Dalla primavera del 1846 sino alla fine dell'autunno, la troviamo presso Battista Pra agli Ablandins, una delle frazioni de La Salette. Il vicino si chiama Pietro Selme; è lui che ha assunto, per una sola settimana, l'indisciplinato Massimino, in sostituzione del suo pastorello ammalato. Di fronte a quel piccolo ciarliero, Melania, timida e taciturna, sta sulle sue. Eppure quei due bambini hanno punti in comune, se cosi si può dire. Nati entrambi a Corps dove risiedono le loro famiglie, non si conoscono affatto, anche per le lunghe assenze della pastorella. Entrambi parlano il dialetto locale e conoscono qualche parola di francese. Né scuola, né catechismo; non sanno né leggere né scrivere. Il padre di Melania è sempre alla ricerca d'un lavoro; sua madre è sovraccarica di occupazioni con tutti i suoi marmocchi, non c'è posto per l'affetto, oppure ce n'è poco. All'epoca dell'Apparizione quello che qualifica Melania come Massimino è la povertà: poveri di beni, poveri di cultura, poveri de affetto. Il fatto è anche che sono totalmente dipendenti. Sono delle "cere vergini" che l'Avvenimento segnerà con marchi definitivi, pur rispettando la loro indole. Melania infatti è molto differente dal suo compagno appena incontrato: vive presso estranei e conosce la sua famiglia solo nei difficili mesi invernali, dove si soffre la fame e il freddo. Non c'è da stupirci che sia timida e chiusa. "Rispondeva solo con dei si e dei no", testimonia il suo padrone, Giovanni Battista Pra. In seguito però risponderà chiaramente e semplicemente alle domande concernenti il Fatto de La Salette. Rimane quattro anni presso le Suore della Provvidenza a Corps; ha poca memoria e meno attitudine anche di Massimino per lo studio. Glà dal novembre 1847 la sua superiora temeva che Melania "traesse un po' di vanità dalla posizione che l'Avvenimento le ha procurato". Diventata postulante e novizia nella medesima Congregazione, oggetto di attenzioni e premure da parte di numerosi visitatori, ella si vincola troppo al suo modo di vedere. Per questa ragione, il nuovo vescovo di Grenoble, pur riconoscendo la sua pietà e la sua dedizione, si rifiuta di ammetterla al voti "per formarla... alla pratica dell'umiltà e alla semplicità cristiane". Sventuratamente, Melania presta l'orecchio e persone "inquiete e malate" imbevute di profezie popolari e di teorie pseudo mistiche e pseudo apocalittiche. Ne resterà segnata per tutta la vita. Per dare credito alle sue affermazioni, le collega al segreto ricevuto dalla Bella Signora. Un esame anche solo affrettato di quello che dice e scrive, rivela le differenze irriducibili con i segni e le parole di Maria a La Salette. Melania, i suoi problemi e i suoi fantasmi, sono diventati il centro del suo discorso; attraverso le sue profezie, regola i suoi conti con quanti oppongono una qualche resistenza ai suoi progetti. Esprime il suo rifiuto della società e dell'ambiente in cui ha qualche problema. Si ricostruisce un passato immaginario dove sono esorcizzate le frustrazioni di cui è stata vittima nella sua infanzia. Fin dal 1854, Mons. Ginoulhiac scrisse: "Le predizioni che si attribuiscono a Melania... non hanno fondamento, sono senza importanza nei riguardi del Fatto de La Salette... sono posteriori a quel Fatto e senza alcuna connessione con esso". E il vescovo sottolinea: "E' stata lasciata ai fanciulli la più grande libertà di ritrattarsi ed essi non hanno mai mutato il loro linguaggio sulla verità del Fatto de La Salette". In quest'ottica, Mons. Ginoulhiac proclamerà, il 19 settembre 1855 sulla Santa Montagna: "La missione dei pastorelli è conclusa, comincia quella della Chiesa!" Sfortunatamente, Melania proseguirà le sue divagazioni profetiche, orchestrate più tardi dal talento sfolgorante di un Léon Bloy, creando una corrente melanista che si richiama a La Salette, ma che non ha altra base che nelle affermazioni incontrollabili di Melania. Siamo mille miglia lontani dalle fondamenta storiche dell'Apparizione. In quanto poi al contenuto, nonostante la sua patina religiosa, nulla ha a che vedere praticamente con le verità di fede della Chiesa, richiamate da Maria a La Salette. Si abbandona il dominio della fede per quello, infido, contestabile e sterile delle fantasie. Questo genere di letteratura allontana dalla fede invece di favorirla. Nel 1851 un sacerdote inglese conduce Melania in Inghilterra. L'anno dopo entra al Carmelo di Darlington, vi fa la professione temporanea nel 1856, ma ne riparte nel 1860. Altro tentativo presso le Suore della Comapssione di Marsiglia. Dopo un soggiorno nella loro residenza di Cefalonia (Grecia) e un passaggio al Carmelo di Marsiglia, rientra alla Compassione per breve tempo. Dopo alcuni giorni trascorsi a Corps e a la Salette, si stabilisce in Italia a Castellammare di Sabbia, presso Napoli. Vi rimane 17 anni, scrivendo i sui "segreti" e una regola per un'eventuale fondazione. Il Vaticano prega l'ordinario del luogo d'interdire quel genere di pubblicazioni, ma ella cerca ostinatamente altri appoggi e un imprimatur fino al Maestro del Sacri Palazzi, p. Lepiti O.P. Ciò non rappresenta un'approvazione, neppure velata, in quanto l'autorità alla quale Melania si appella non è competente in merito. Dopo un soggiorno a Canner, ritroviamo Melania a Chalon-sur-Saône, dove, sempre alla ricerca di fondazione, sostenuta dal canonico de Brandt, di Amiens, incappa in un processo con Mons. Perraud, vescovo di Autun. La Santa Sede, interessata nell'affare, dà ragione al vescovo. Nel 1892 ritorna in Italia a Lecce, poi a Messina in Sicilia su invito del canonico Annibale di Francia. Dopo qualche mese trascorso in Piemonte, si stabilisce presso don Combe, paroco di Diou, nell'Allier: un prete col pallino delle profezie politico-religiose. Finisce per redigere un'autobiografia piuttosto romanzata, dove s'inventa un'infanzia straordinaria, intrecciata di considerazioni pseudo-mistiche che riflettono i suoi personali fantasmi e le chimere dei suoi corrispondenti. I Messaggi che Melania propaga, allora, e che vuole ricollegare a La Salette, non hanno proprio nulla a che vedere con la sua primitiva testimonianza sull'Apparizione. D'altronde quando è invitata a parlare del Fatto del 19 settembre 1846, ritrova la semplicità e la lucidità del suo primo racconto, conforme a quello di Massimino. E questo, in una maniera constante, come avvenne nel suo pellegrinaggio a La Salette, il 18 e il 19 settembre 1902. Ritorna nell'Italia meridionale, ad Altamura (Bari) ove muore il 14 dicembre 1940. Riposa sotto una stele di marmo dove un bassorilievo presenta la Madonna che accoglie in cielo la pastorella de La Salette. Una cosa resta assodata: al termine di tutti i suoi vagabondaggi, c'è un punto sul quale Melania non ha mal variato: la testimonianza che con Massimino ella ha dato, la sera del 19 settembre, nella cucina di Giovanni Battista Pra agli Ablandins. E durante tutta l'inchiesta condotta da Mons. Filiberto de Bruillard, ripresa e confermata da quella di Mons. Ginoulhiac. In una vita difficile, Melania, è rimasta povera e devota, fedele alla sua prima testimonianza.

Ricordati o Nostra Signora de La Salette

delle lacrime che hai versato per noi sul Calvario. Ricordati anche della continua sollecitudine che hai per noi, tuo popolo, affinché nel nome di Cristo Gesù ci lasciamo riconciliare con Dio.Dopo aver fatto tanto per noi tuoi figli, Tu non puoi abbandonarci.

Confortati dalla tua tenerezza, o Madre, noi Ti supplichiamo, malgrado le nostre infedeltà e ingratitudini.

Accogli le nostre preghiere, o Vergine Riconciliatrice, e converti i nostri cuori al tuo Figlio. Ottienici la grazia di amare Gesù sopra ogni cosa e di consolare anche Te con una vita dedicata alla gloria de Dio e all'amore dei nostri fratelli.

AMEN.

Fonte: Innamorati di Maria

sabato 16 settembre 2017

Il gesto fondamentale della preghiera del cristiano è e resta il segno della croce

"Il gesto fondamentale della preghiera del cristiano è e resta il segno della croce. È una professione, espressa mediante il corpo, di fede in Cristo Crocifisso, secondo le parole programmatiche di san Paolo: «Noi annunciamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei, stoltezza per i pagani, ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, predichiamo Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio» (1Cor 1, 23ss). E ancora: «Io non volli sapere tra di voi se non Cristo, e questi crocifisso» (2,2).

Segnare se stessi con il segno della croce è un sì visibile e pubblico a Colui che ha sofferto per noi; a Colui che nel corpo ha reso visibile l'amore di Dio fino all’estremo; al Dio che non governa mediante la distruzione, ma attraverso l’umiltà della sofferenza e dell'amore, che è più forte di tutta la potenza del mondo e più saggia di tutta l’intelligenza e di tutti i calcoli dell’uomo.

Il segno della croce è una professione di fede: io credo in Colui che ha sofferto per me e che è risorto; in Colui che ha trasformato il segno dello scandalo in un segno di speranza e dell'amore presente di Dio per noi. La professione di fede è una professione di speranza: credo in Colui che nella sua debolezza è l’Onnipotente; in Colui che, proprio nella apparente assenza ed estrema debolezza, può salvarmi e mi salverà.

Nel momento in cui noi ci segniamo con la croce, ci poniamo sotto [173] la protezione della croce, la teniamo davanti a noi come uno scudo che ci protegge nelle tribolazioni del nostre giornate e ci dà il coraggio per andare avanti. La prendiamo come un segnale che ci indica la strade da seguire: «Chi vuol essere mio discepolo, rinneghi se stesso, prenda la sua croce su di sé e mi segua» (Mc 8,34). La croce ci mostra la strada della vita: la sequela di Cristo.​

Noi leghiamo il segno della croce con la professione di fede nel Dio Trinità – Padre, Figlio e Spirito Santo. Esso diventa così ricordo del battesimo, in maniera ancor più chiara quando lo accompagniamo con l’uso dell’acqua benedetta. La croce è un segno della passione, ma è allo stesso tempo anche segno della resurrezione; essa è, per così dire, il bastone della salvezza che Dio ci porge, il ponte su cui superiamo l’abisso della morte e tutte le minacce del male e possiamo giungere fino a Lui".

(Card. Joseph Ratzinger - da "Introduzione allo spirito della liturgia")

Omelia della santa Messa serale Medjugorje, 13 settembre 2017

Međugorje, mercoledì 13 settembre 2017, memoria di San Giovanni Crisostomo Vescovo e dottore della Chiesa, omelia della Santa Messa vespertina.

Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri,
perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi, che ora avete fame,
perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete,
perché riderete.
Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell'uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi,
perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
Guai a voi, che ora siete sazi,
perché avrete fame.
Guai a voi, che ora ridete,
perché sarete nel dolore e piangerete.
Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».
Parola del Signore.


Fratelli e sorelle, abbiamo sentito le letture di oggi.
Nel brano del Vangelo secondo Luca vediamo 4 situazioni positive e 4 negative. 4 Beatitudini e 4 maledizioni.
Ciò che Gesù vuole dai Suoi discepoli, cioè da tutti noi che ci diciamo Cristiani, è una continua decisione per Lui.
Non si tratta di compiere solo i precetti di carità, ma una vera continua decisione. Essere beato significa incontrare Dio.
Dio ha scelto e ha chiamato gli uomini.
La Bibbia dice quali sono le condizioni della beatitudine.
L’Antico Testamento proclama l’uomo beato quando ascolta, riflette e vive la legge. Sempre nell’Antico Testamento sono beati gli uomini e le donne che hanno tanti figli e che Dio benedice dando loro beni materiali.
Gesù annuncia un cambiamento di valori e dice ai Suoi discepoli: “Beati voi poveri, voi che avete fame e voi che piangete. Il Regno di Dio appartiene a voi”.
Queste Beatitudini sono sorgente di speranza. I poveri e gli esclusi sono privilegiati dal Padre. A loro è aperto l’ingresso al Regno. Questo Regno è per coloro che cercano Gesù e hanno sete di giustizia.
Il discepolo è mite, povero e ha fame di giustizia.
Le Beatitudini descrivono il Volto di Gesù.
Se guardiamo Gesù vediamo che le Beatitudini escono dai limiti umani che ce le fanno vedere impossibili. Ciò che è impossibile a noi è possibile a Dio. Tutto questo è possibile all’uomo e alla donna invitati alla santità. Tutti siamo invitati alla santità.
Perchè le Beatitudini siano realizzabili è importante riconoscere il primo posto di Dio nella nostra vita, affidarci al Padre e mettere la nostra esistenza nelle Sue Mani.
Guardando con i nostri occhi umani queste Beatitudini di Gesù sono assurde, un fallimento.
Chi di noi vuole essere povero, aver fame, piangere, non accettato? Nessuno.
Tutti noi vorremmo essere ricchi, sazi, sorridenti, accettati.
Sicuramente Gesù accetta gli uni e gli altri. Non ha nulla riguardo ai vari stati di vita.
La domanda principale è come noi affrontiamo le situazioni della nostra vita. Da queste decisioni dipende se siamo beati o se ci viene detto “guai”.
Non è un peccato avere fame, ma neanche essere sazi. Non è un peccato piangere, ma nemmeno sorridere. Non è un peccato essere accettati, ma neppure essere rifiutati.
Il peccato sta nel modo in cui sono arrivato ad una certa situazione di vita. Il mio cuore può essere aperto o chiuso per Dio e per il prossimo.
Possiamo riassumere queste Beatitudini in un comandamento: Ama il prossimo tuo come te stesso.
Se noi vivessimo questo comandamento molto presto saremmo liberi dal nostro ego. Non possiamo amare il prossimo come noi stessi finchè serviamo soltanto i nostri bisogni. Bisogni per sopravvivere, per la sicurezza, per l’onore, il potere...
Gesù ci invita a realizzare il Regno di Dio in noi e non il frutto della nostra immaginazione. Questa è l’apertura che permette a Dio di intervenire in ogni momento nella nostra vita. Questo richiede da parte nostra di saper rinunciare ai nostri progetti a favore del prossimo.
San Luca dice nel Vangelo “beati voi poveri”. San Matteo aggiunge “poveri in spirito”.
I poveri in spirito sono le persone che una certa cultura disprezza. Sono ritenute senza significato e onore. Non ci si riferisce solamente alla povertà materiale, anche se questa può essere motivo di disprezzo da parte dei ricchi. Qui si parla della povertà evangelica.
Il termine “poveri in spirito” fa capire che non basta essere povero, ma bisogna accettare le circostanze della vita per quanto possano essere dolorose.
Poveri in spirito sono tutti coloro che sono pronti ad accettare qualsiasi sofferenza a causa del Signore.
Conosciamo persone che attraverso la sofferenza vogliono attirare l’attenzione su di sè. Spesso è l’unica occasione per attirare l’attenzione. Oso dire che si tratta di una specie di manipolazione del prossimo.
Nelle Beatitudini si parla dei perseguitati a causa della giustizia e della verità. Non ci perseguitano a causa delle nostre opere, ma perchè cerchiamo di cambiare sistemi sbagliati. Da questo è comprensibile che i poveri di spirito non sono le persone che sono passive davanti alle situazioni, ma che cercano di agire in conformità con Dio.
I poveri in spirito sono coloro che accettano la sofferenza in modo attivo e non passivo. Accettano la situazione così com’è e poi si impegnano per migliorarla.
San Paolo ammonisce la comunità dei cristiani dicendo di far morire in loro ciò che appartiene alla terra: impurità, immoralità, passioni, desideri cattivi e cupidigia.
Queste cose causano quel “guai” di cui san Luca scrive nel Vangelo. Bisogna cambiare il cammino e queste cose devono appartenere al passato.
La stessa ammonizione è rivolta a noi oggi.
Tra di noi ci sono tante impurità, immoralità, passioni, desideri cattivi, inganni, desideri, cupidigia, idolatria, furti. Per tali comportamenti non c’è giustificazione. Non esistono motivi che possano autorizzarli.
San Paolo è molto chiaro quando dice: “Vi siete svestiti dell’uomo vecchio con le sue azioni e avete vestito l’uomo nuovo”. Vuol dire che ci siamo decisi per Cristo e per una vita nuova.
Quando si prende una decisione del genere non si può tornare in dietro.
Domandiamoci: quanti Cristiani oggi manifestano il proprio Cristianesimo? Oppure forse siamo Cristiani soltanto sulla carta? Oppure prendiamo solamente le parti che ci convengono del Cristianesimo?
San Giovanni Crisostomo, la cui memoria ricorre oggi, ha giudicato i vizi e ha ammonito coloro che vivevano nel peccato, nella lussuria, nel benessere, non volendo condannarli, ma aiutandoli a scegliere il bene, ridonando la vita alla loro fede e esortandoli alla misericordia.
Diceva: “Dare ai poveri significa dare a Dio”. Oppure diceva: “Liberate Cristo dalla fame, dalla prigione, dalla nudità”.
A tutto ciò siamo invitati noi oggi. Siamo invitati a fare del bene per gli altri e non per noi stessi. A fare del bene a causa di Dio e del Suo Amore. Purtroppo spesso facciamo del bene, perchè gli altri lo vedano.
Facciamo le foto di ogni cosa buona che abbiamo fatto e le pubblichiamo sui social network.
Da questo tipo di bene ne ricavo vantaggio per la mia o la tua salvezza? Non basta che io abbia riempito lo stomaco ad una persona affamata e che tutti abbiano messo il loro “mi piace”.
Qui non c’è il pensiero evangelico “non sappia la tua sinistra cosa ha fatto la tua destra”. Questo non è stato fatto per aiutare l’altro, ma a proprio vantaggio.
Con un tale comportamento non è possibile trovare la Parola di Gesù “beati voi”.
Oso dire che questo mio atteggiamento si trasforma in quel “guai” che Gesù ha rivolto ai ricchi.
“Guai a voi quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo agivano i loro padri con i falsi profeti”.
Non pensiamo che Gesù abbia qualcosa contro i ricchi. No! Ma critica il loro rapporto verso il prossimo.
Questa frase è molto attuale oggi. Dico bene di te, perchè ti conosco. Dico bene di te, perchè ne traggo interesse. Dico bene di te, perchè mi aspetto che tu contraccambierai con la stessa misura.
Fratelli e sorelle, da me oggi dipende il mio “beato” oppure “guai”.
Sono io che scelgo.
Amen.

Fonte: INFO trascrizione A. Bianco

Padre Jozo: La croce

La Madonna non solo ha dato Messaggi sulla Preghiera e sull'Eucaristia, si è anche pronunciata sugli altri valori fondamentali della vita cristiana. Quei valori che sono stati importanti per gli apostoli, lo sono per noi e lo saranno sempre per tuffi fino all'ultimo cristiano esistente sulla terra.

La Madonna è apparsa molte volte sul Krizevac, la montagna dove s'innalza una grande Croce costruita nel 1933 in onore del mistero della Redenzione. Fin dall'inizio, la Madonna è apparsa tante volte accanto alla Croce, con la Croce, ai piedi della Croce. Sono molti i pellegrini che hanno visto improvvisamente una luce nel posto dove si trova la Croce. La Regina della Pace ha insegnato a pregare per la pace davanti alla Croce: "Quando pregate per la pace, andate davanti alla Croce, guardate la Croce". La Beata Vergine dice: "Pregate davanti all'Eucaristia, adorate l'Eucaristia" ed anche:

"Fate adorazione davanti alla Croce, pregate davanti alla Croce".
"Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno".
Guardare la croce di Cristo significa imparare ad amare i nemici.
Chi non riesce a perdonare non riesce a pregare.
(Fra Jozo Zovko, ofm)

Il segno della Croce.
La Croce è il segno più grande dell'amore, significa donare la propria vita per gli altri. Gesù stesso lo ha detto: "Non c'è amore più grande che dare la vita" (cfr.Gv 15,13). Ecco il più grande gesto d'amore... Non esiste niente di più grande. Regalare la vita, offrire la vita per i peccatori. Noi siamo tuffi peccatori. "Colui che vuole essere Mio discepolo deve prendere la sua croce ogni giorno e seguirMi", dice Gesù (cfr.Mc 8,34). La Croce è il segno, nella nostra vita cristiana, per mostrare ogni giorno se siamo di Cristo.

Il nostro Premio Nobel per la letteratura, ha scritto un libro che si intitola: "Segni sul cammino". Vi si racconta di un ragazzo che giunto davanti ad un bosco viene preso da una grande curiosità. Egli senti il desiderio di inoltrarsi in quel posto per scoprirne le bellezze, però, all'ultimo momento indietreggiò per paura e pensò: Come posso poi ritornare se mi perdo? Alla fine, ebbe un'idea: Lascerò un segno sugli alberi e seguendoli ritroverò la strada del ritorno. Così fece. Mano a mano che si inoltrava nel bosco incideva una croce sugli alberi più giovani. Quando gli alberi crebbero anche il segno della croce inciso sulla corteccia divenne più grande. Una volta soddisfatto il suo desiderio decise di tornare a casa. Allora si sentì sicuro: Conosco bene la strada, seguirò i miei segni. Ognuno di noi deve portare la propria croce ogni giorno, dobbiamo accettarla. Se così non è, corriamo il pericolo di perdere il cammino. Il nostro "segno" è Gesù sulla croce!
Ecco il nostro cammino: Gesù!
Ecco il nostro "segno": dare la vita per i fratelli!

Accettare la Croce.
Cari fratelli, ognuno di noi ha la sua croce ma sono molti quelli che non l'accettano.., troppi ancora! Sono tanti quelli che pregano per liberarsi della propria croce. Vanno davanti a Dio con la preghiera per spiegare la propria situazione, per farli capire che non è giusto né ragionevole ciò che succede a loro. Pretendono di persuadere Dio a cambiare il Suo progetto, oppongono la loro volontà a quella di Dio.

La Madonna non ha mai incitato Suo Figlio a scappare dalla croce. Lei non Gli ha detto: Andiamocene perché qui vogliono farTi del male, fuggi da qualche altra parte, guarda che Ti uccideranno.. .No! La Madonna non ha detto questo, perché Lei cercava la volontà di Dio e l'accettava assieme a Suo Figlio. Io sono sicuro che Lei Gli diceva: Coraggio, Figlio! Io sono con Te... devi sacrificarTi... Guarda, tutti aspettano il Tuo sacrificio... ,da Te verranno la grazia e la salvezza!

Un giorno, Gesù ha parlato ai discepoli di ciò che Gli sarebbe successo e che Lo aspettava una morte violenta. Allora, Pietro Lo ha preso in disparte e Gli ha detto: Signore, allontana da Te questi pensieri... ,non parlare così.. .Tu non devi morire.. .Non devono accadere queste cose!

Cosa ha risposto Cristo?

Cristo ha fatto un esorcismo: "Vattene, satana!". Ha scacciato con forza satana, ha scacciato quei pensieri dal cuore del Suo discepolo perché non erano coerenti con il progetto di Dio. Cristo ha fatto un esorcismo sul Suo discepolo, Suo Apostolo, nostro primo Papa (cfr.Mc 8,3133).

Sul Tabor, Pietro è nuovamente tentato e tenta Gesù. "Maestro, qui stiamo bene.. .costruiamoci tre tende e stabiliamoci definitivamente.. .questo è un luogo sicuro e tranquillo (cfr.Mt 17,4). Pietro non aveva compreso dove doveva condurlo la "visione" mostratagli dal Signore: avrebbe girato il mondo per portare la sua testimonianza fino al sacrificio della sua vita sulla croce. Invece, in quel momento egli desiderava soltanto fermarsi in un posto tranquillo e accogliente.

Pensate come anche noi, tante volte, siamo tentati ed accettiamo pensieri e ragionamenti per vivere senza la Croce. La vita cristiana è conoscenza della Croce, la nostra sapienza è amare la Croce. Perciò, il nostro S. Francesco piangeva: "l'Amore non è amato"... "sono triste perché non so amare perché il solo vero amore è quello che si sacrifica sulla Croce.

La Croce familiare.
Noi, in Croazia, siamo soliti praticare un rito particolare durante la celebrazione del sacramento del matrimonio. I fidanzati portano in chiesa il Crocifisso che hanno comperato e al quale hanno già preparato una sistemazione nella loro dimora. Sopra la Croce mettono le mani nel momento in cui si scambiano la promessa, la formula del sacramento ed anche il sacerdote tiene la Croce per una estremità. Poi, gli sposi la baciano. Quando tornano a casa, la pongono nel luogo preparato perché da quel giorno diventa il loro "segno" ed il loro "ideale". Davanti a quella Croce familiare, terminano quotidianamente la giornata con una preghiera. I figli, molto spesso, vedono la mamma pregare, piangere e baciare la Croce familiare. Nella mia parrocchia a Siroki Brijeg, costituita da 14.000 abitanti, non esiste una famiglia separata. Nessuna! Non ci può essere separazione quando si prega ogni giorno e si persevera davanti alla Croce. Chi può essere capace di dire alla propria sposa o al proprio sposo: "Non ne posso più, ti lascio", se sa che lascia Cristo? L'uomo che lascia la sua sposa o viceversa, lascia anche il Cristo familiare, resta solo e questo è terribile! Sì, dalla Croce esce la luce che illumina il nostro cammino ed i nostri passi. Trovarsi davanti alla Croce significa chiedere e ottenere la benedizione, la forza per accettare la propria sofferenza. La Madonna ha aiutato Gesù a portare la Sua Croce. Gli ha insegnato a portare la Croce e lo insegna anche a noi. Lei, la Madre, sta sempre ai piedi della Croce del Suo amato Figlio.

Croce e perdono.
Oh, con quale responsabilità dovremmo noi fare il segno della Croce sul nostro corpo! Dire: oggi, sono capace di perdonare come Lui ha perdonato sulla Croce! Gesù ha pregato: "Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno" (Lc 23,34).

Guardare la Croce di Cristo significa perdonare i nemici. Tutti noi abbiamo dei nemici ma non tuffi sappiamo perdonare. L'uomo che non è in grado di perdonare, non è in grado di pregare, di amare, di trovare la pace. Molte volte ho incontrato persone possedute dal male. Vengono a Medjugorje da tutto il mondo. Che cosa c'è alla base? L'odio! Si, l'odio è alla base della possessione.

Anche durante la preghiera di guarigione, l'uomo prova con frequenza una tentazione: perdono?.. non perdono?.. Il Signore gli sta dando la grazia per perdonare ma, se resiste allo Spirito, se si chiude in sé stesso, l'odio s'impadronisce di lui... Non riesce a dire: "io perdono", e resta sotto il dominio di satana. Non riesce nemmeno a riconoscere la propria colpa e dire: "mi dispiace, Signore perdonami" e persiste una situazione di falsità. La Madonna ha detto: "Guardate la Croce e fate adorazione davanti alla Croce, per la pace". Sì, quando volete pregare per la pace fatelo sempre davanti alla Croce. Perché? Perché attraverso la Croce fù ristabilita la pace e dalla Croce proviene la pace. Gesù ha perdonato dalla Croce. Dio ha perdonato, quando glieLo ha chiesto il Figlio dalla Croce. La Beata Vergine ci ha perdonati tuffi ai piedi della Croce. La Chiesa perdona tuffi con il segno della Croce. Il tentatore ci manipola con molta facilità. Per prima cosa, ci induce a considerare in modo negativo le altre persone...; ti vieni a trovare spesso in situazioni spiacevoli, in famiglia, al lavoro, a scuola... e pensi: quello è antipatico, parla male di me, agisce con malignità... Allora, tu senti una ribellione interiore e ti rifiuti di parlare con quella persona... E' nato l'odio! Tu sei una persona che ha incominciato ad odiare. Il processo inizia facilmente. Perciò, è importante rimanere davanti alla Croce ed imparare a pregare come Gesù... Signore, benedici tuffi quelli che ho incontrato in questo giorno... riempii loro cuori di pace, di gioia e di amore...

Dona una grande gioia e benedizione a tuffi quelli che parlano male di me, a tuffi quelli che a volte mi odiano..., a tuffi coloro che sono stati tentati o sono caduti nell'odio... a tuffi i miei nemici. Signore, Ti prego, benedicili tutti! Io li perdono... perdona anche me, Signore. La Madonna ha detto: "Guardate la Croce e fate adorazione davanti alla Croce, per la pace". Sì, quando volete pregare per la pace fatelo sempre davanti alla Croce. Perché? Perché attraverso la Croce fu ristabilita la pace e dalla Croce proviene la pace. Gesù ha perdonato dalla Croce. Dio ha perdonato, quando glieLo ha chiesto il Figlio dalla Croce. La Beata Vergine ci ha perdonati tuffi ai piedi della Croce. La Chiesa perdona tuffi con il segno della Croce. Croce e sacrificio.

La Croce e l'Eucaristia rappresentano la vita dedicata ai fratelli. La Madonna, nei Suoi Messaggi, ci invita a pregare davanti alla Croce e davanti all'Eucaristia. Perché? Per imparare a donare la vita!

Ognuno di noi, molto spesso, è tentato a vivere spinto dall'egoismo. Io mangio per me, dormo per me, studio per me, lavoro per me, formo la famiglia per me, ecc. Io, io, io... Siamo fortemente dominati da un egoismo che condiziona tuffi i nostri pensieri e le nostre azioni. Abbiamo bisogno di imparare la generosità e il sacrificio! Vedete, l'Eucaristia è: "Prendete e mangiate"... il Mio Corpo è per voi, il Mio Sangue è la vostra bevanda.. .Distribuite tra di voi il Mio Spirito, il Mio amore (cfr.Lc 22,1720). La Croce e 1' Eucaristia sono il sacramento del sacrificio dell'amore. Non si possono separare!

Dinanzi alla Croce di Cristo apprendo il vero senso della sofferenza e ricevo la forza per accettarla.

La tua croce ha valore, la tua sofferenza ha valore, hanno valore le tue lacrime... E acquistano un valore immenso quando si uniscono a quelle di Cristo..., quando la tua vita si unisce alla Sua nell'Eucaristia.

Allora, le tue lacrime e la tua croce sono capaci di intercedere e cambiare i tuoi fratelli, possono convertire il mondo.

La Madonna, all'inizio, ci ha detto: "Costruite una cappella per l'adorazione perpetua al Santissimo". Per anni, ciò è stato impossibile a causa di diverse difficoltà: la Chiesa non dava la sua autorizzazione... i comunisti non lo permettevano... E la Madonna insisteva: "Costruite una cappella per l'adorazione perpetua". Finalmente, è stato possibile realizzarla. Allora, uno scultore, che conosce bene i Messaggi, ha fatto una immagine della Madonna: nel punto che corrisponde al Cuore, non si vede il Cuore ma si vede un'Ostia bianca. La Madonna ci sta insegnando che il cuore della famiglia, dei gruppi, delle persone, è l'amore verso l'Eucaristia. Ecco quale è il Cuore della Madre della Chiesa: l'Eucaristia! Se tu vuoi mostrare il tuo amore a Gesù e alla Madonna, ama l'Eucaristia e la tua croce. Impara ad accettare Cristo, accettando la tua croce con amore.

Conosci la Croce della tua Chiesa.
Io vengo da un paese dove, in questo momento, c'è una croce particolare: la guerra!

Non sappiamo da dove derivi quest' idea, fare la guerra... Sappiamo soltanto che sono state distrutte le nostre chiese, che si uccide la gente, che si rovinano le città, le scuole, gli ospedali, i santuari...

A Siroki Brijeg, vicino al mio monastero, ho fondato un'Associazione a favore dei bambini che hanno perso i genitori a causa della guerra e sono rimasti soli. Finora, abbiamo più di tremila bambini orfani.

Persone brave, da diverse parti del mondo, si sono offerte per aiutarci, come madrine e padrini per adottare simbolicamente gli orfani. Esse sono capaci di suscitare, con il loro amore, nel cuore dei bambini un sentimento positivo. E questi, possono sperimentare che non tuffi odiano, che non tuffi uccidono, che esistono persone cristiane che amano i propri figli e che amano e vogliono aiutare anche loro.

Non è sempre facile parlare alle giovani madri, con uno, due o tre figli, che hanno perso il loro marito... Esse hanno una grande sofferenza, una grande croce e non hanno chi le aiuta. Inoltre, io so che il vero aiuto ci viene solo dal Signore e che solo Gesù consola profondamente, attraverso la preghiera. Per questo quando ci riuniamo per pregare insieme, amplifichiamo le nostre orazioni attraverso la radio. Quelli che ascoltano si raccolgono in preghiera con noi e si consolano gli uni con gli altri. E poi, ci chiamano al telefono, ci inviano lettere, per dirci che durante la preghiera hanno ricevuto tanto coraggio, tanta forza e tanto conforto. Tu devi conoscere la Croce della tua Chiesa! Tu, come novella Veronica, devi aiutare la tua Chiesa durante la sua sofferenza, asciugarle il volto con il fazzoletto del tuo amore. Tu devi aprirti ad una nuova dimensione dell'amore!

Pregare davanti alla Croce, pregare davanti all'Eucaristia significa:
sacrificare la vita, donare la vita per i fratelli.
(Fra Jozo Zovko, ofm)


Oh Gesù, grazie per la Tua Croce.
Benedicimi...
Benedici la mia croce con la Tua Croce...
Con le Tue Piaghe ungi la mia sofferenza...
Concedimi, Signore, di comportarmi bene oggi con la Tua Croce, di meditare il Tuo amore, di viverlo...
"Io, quando sarò elevato da terra, affirerò tuffi a Me" (Gv 12,32).
Oh Gesù, voglio elevarmi con il mio amore, con la mia devozione.
Attirami... AvvicinaTi a me... Oh Gesù, amami...
Benedici la mia vita con la Tua Croce...
Concedimi, Signore, di testimoniare il Tuo amore portando la mia croce con amore, con speranza, con dignità. Oh Gesù, apri il Tuo Cuore... stendi le Tue mani sopra di noi...
Donaci la Tua benedizione.
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Fonte: Maria a Medjugorje

Adorazione Eucaristica del 14 settembre 2017 presieduta da Fra Zvonimir Pavičić


Siamo felici di essere qui adesso e di adorarti nel silenzio.
Donaci la Tua Pace, per esserne portatori a tutti.
Sulla Croce ci hai redenti: Ti adoriamo.
Verranno tutti quelli che crederanno in Te..

Canto: Gesù, T’adoriamo... Gloria, Alleluia... 

Ti adoriamo, Signore Gesù. Adoriamo Te presente in questo Santissimo Sacramento dell’altare. Siamo felici di essere qui adesso e che possiamo adorarti. Con la nostra Adorazione desideriamo offrirti le nostre vite, tutto ciò che abbiamo e siamo e Tu, Signore, guidaci, insegnaci come hai fatto con i tuoi discepoli.
Gesù, Tu hai compiuto miracoli davanti agli occhi dei Tuoi discepoli, davanti al Tuo popolo. Anche noi adesso siamo radunati attorno a Te, i nostri occhi sono rivolti a Te. Guidaci, guidaci sul monte, in un luogo solitario, deserto. Insegnaci a pregare, insegnaci ad amare il silenzio, il silenzio nel quale Tu ci parli. Fa’ che Ti sentiamo, Signore!

Canto: Confitemini Domino, quoniam bonus!
Confitemini Domino, alleluia!

Signore, donaci la pace. Incarna nei nostri cuori la Tua pace, questa pace che qui ci doni. Fa’ che la portiamo anche alle nostre case, ai nostri cari, perché la così Tua Pace possa costruire le nostre vite, affinché la Tua pace, attraverso di noi, arrivi al mondo. Signore, fa’ che diventiamo i Tuoi portatori di pace, fa’ che diventiamo i portavoce della Tua pace. Signore, donaci la pace!

Canto: Tu sei Pace!... Alleluia...

Cristo, Tu Ti sei umiliato, sei diventato simile a noi. Tu ci hai redenti con la Tua Croce e c i hai donato una vita nuova. Perciò, Dio alto, ogni ginocchio si piegherà davanti a Te, ogni lingua Ti riconoscerà Dio, a maggior gloria di Dio Padre. Anche noi nello spirito esclamiamo e acclamiamo: Ti riconosciamo il nostro Signore mentre Ti adoriamo, Gesù.

Canto: Veni, Sancte Spiritus... 


Ti ringrazio, Signore, perché sei sempre con noi. Grazie perché possiamo adorarti, perché in Te possiamo sempre la consolazione e la forza per la vita. Tu hai detto a Nicodemo: “Verranno tutti coloro che crederanno in me.” Signore, moltiplica la nostra fede e fa’ che, tramite questa fede e per mezzo della Tua grazia, veniamo nella Tua Gloria, dove Ti adoreremo nei secoli dei secoli.

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica.

Canto finale: Gospa , Maika moia, Kralica mira...

Fonte: (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero)

venerdì 15 settembre 2017

Preghiera di guarigione del 13 settembre 2017 guidata da Fra Zvonimir Pavičić


Alleluia, alleluia, alleluia...


Signore, Tu hai detto che liberamente possono venire da Te coloro che sono affaticati e oppressi. Anche noi adesso siamo qui stanchi di tante difficoltà e oppressi da tanti problemi. Tu ci inviti e noi veniamo da Te. Siamo qui davanti a Te: vogliamo donarti tutto quello che ci opprime e che ci stanca. Ricevi e accetta, Signore, tutto ciò che noi adesso Ti offriamo.

Hvala, Criste... Alleluia...

Signore, fa’ che diventiamo veramente Tuoi. Coloro che sono piccoli hanno un cuore piccolo, semplice, hanno bisogno della Tua mano. Sappiamo benissimo che non possiamo nulla da soli: facciamo tutto con il Tuo aiuto, tutto facciamo con la Tua Grazia. Fa’ che impariamo sempre da Te, da Te che eri mite e umile di cuore. Fa’ che anche i nostri cuori siano come il Tuo. Allontana da noi tutto ciò che ci è di ostacolo per abbandonarci completamente a Te.

Graçias, Jesu... Multsum, Eskisus... Alleluia...


Signore, ci hai invitati da Te e noi siamo venuti. Sappiamo che solo Tu ci puoi guarire, solo Tu ci puoi donare ciò di cui abbiamo bisogno nella vita. Noi ci abbandoniamo a Te con tutto il nostro essere e Ti preghiamo: guariscici tutti nel Tuo Amore, per imparare ancora di più da Te e per poter crescere nel Tuo Amore. Guariscici, Signore!

Kyrie, eleison...

Voi, le vostre famiglie e tutti coloro che sono nella vostra preghiera, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo.
Amen.

Fonte: (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero )

Preghiere serali del 12 settembre 2017

Preghiera di guarigione del 12 settembre 2017
guidata da Fra Zvonimir Pavičić


Alleluia, alleluia, alleluia...

Signore Gesù, mentre noi eravamo ancora incapaci, deboli, Tu sei morto per noi. Tu sei morto per distruggere la nostra debolezza, per donare a noi la Tua Potenza, perché anche noi con la Tua forza possiamo lottare in questo mondo. Nel Tuo Nome avvengono veramente tanti miracoli. Nel Tuo Nome siamo invitati alla vita e viviamo nel Tuo Nome.

Hvala, Criste... Alleluia...

Signore, noi siamo il Tuo popolo , portiamo il Tuo Nome in tutta la terra, ma dimentichiamo che Tu ci hai creati, che Tu ci hai voluti: hai voluto ciascuno di noi. Solo Tu, solo Tu sai quanto ami ciascuno di noi, quanto sei attento a ciascuno di noi e desideriamo dirti grazie, grazie con le parole e con tutta la nostra vita.

Grazie, Gesù... Multsum, Eskisus... Alleluia...

Signore Gesù, eccoci qui davanti a Te. Siamo qui davanti a te come una volta i Tuoi discepoli. Tu hai mandato i Tuoi discepoli e hai dato loro la forza, la potenza di guarire nel Tuo Nome gli ammalati e i bisognosi. Anche oggi abbiamo bisogno di questo Tuo Amore, di questo Amore che cura i più bisognosi. Guardaci, Signore, con il Tuo sguardo misericordioso. Versa il Tuo Santo Spirito su di noi, guariscici da tutte le nostre malattie e fa’ che possiamo servirti con cuore sincero e integro.

Kyrie, eleison...

Voi, le vostre famiglie e tutti coloro che sono nella vostra preghiera, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo.
Amen.

Fonte: (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero )



Adorazione Eucaristica del 12 settembre 2017
presieduta da Fra Marinko Šakota

Adorate nello spirito e nella verità.
Gesù, apri i nostri occhi per la Verità, per Te!
Donaci di vedere noi stessi coi Tuoi occhi!

Canto: Signor Gesù, noi T’adoriam... Alleluia...

Gesù, noi Ti adoriamo! Tu hai detto che l’Adorazione è vera nello spirito e nella verità. Dona a noi il Tuo Spirito Santo, apri i nostri cuori, affinché possiamo adorare nello spirito e nella verità.

Canto: Spirito Santo, vien nel mio cuor!
Del Tuo Amore infiammalo! Alleluia...


Gesù, Tu dici: “Io sono la Verità!” Ciascuno di noi ha le sue verità. Apri i nostri occhi, Gesù, per la Verità, per Te, affinché possiamo conoscerti.

Canto: Dona la Pace (X2) ai nostri cuori, o Signore! (bis)
Resta qui insieme a noi (X2) e la Pace regnerà.


Gesù, ciascuno di noi vede se stesso attraverso i suoi occhi. Donaci di vedere noi stessi, nella nostra verità, alla Tua Presenza, attraverso i Tuoi occhi.
Tantum ergo...Orazione.

Canto: Gesù (X8)....

Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica.

Canto finale: Zdravo, Kralice mira! Zdravo, Maiko ljubavi!
Zdravo (X3), Marijo.

Fonte: (Trascrizione INFO a cura di P. Armando Favero)

Beata Vergine Maria Addolorata

IMG_20170915_111630_650

La Madonna, generando Uno solo, ha portato la salvezza in questo mondo. Molti si sono ritrovati. 
Noi, fratelli e sorelle, siamo qui assieme alla Madonna proprio per questa chiamata. La Madonna termina i Suoi messaggi dicendo “grazie per aver risposto alla Mia chiamata”. Cioè: grazie perchè avete letto; grazie perchè avete accettato di venire in un luogo dove vi sarà perdonato tutto. Il vostro peccato vi sarà perdonato e dimenticato e Maria vi abbraccerà e vi accarezzerà. Suo Figlio Gesù vi porterà un cuore nuovo e una vita nuova. 
Ecco perchè veniamo qui. Ecco perchè veniamo con gioia a Medjugorje e negli altri santuari. Questa è la risposta. 
Ci sentiamo abbracciati in mezzo ad un mondo che vive la mentalità del disprezzo. E la Madre raduna e abbraccia. 
(Omelia a Medjugorje per la festa della Natività della Vergine Maria)

mercoledì 13 settembre 2017

Omelia della santa Messa serale Medjugorje, 8 settembre 2017

Međugorje, venerdì 8 settembre 2017, festa della Natività della Beata Vergine Maria, omelia della Santa Messa vespertina presieduta da fra Mario Knezović.


Dal Vangelo secondo Matteo
Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo.
Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esrom, Esrom generò Aram, Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmon, Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, Iesse generò il re Davide.
Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa, Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asaf, Asaf generò Giosafat, Giosafat generò Ioram, Ioram generò Ozìa, Ozìa generò Ioatàm, Ioatàm generò Acaz, Acaz generò Ezechìa, Ezechìa generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosìa, Giosìa generò Ieconìa e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.
Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconìa generò Salatièl, Salatièl generò Zorobabele, Zorobabele generò Abiùd, Abiùd generò Eliachìm, Eliachìm generò Azor, Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa Dio con noi.
Parola del Signore
.

Carissimi fratelli e sorelle, cari figli di Maria, c’è una storia che può introdurci nel mistero di Maria.
Un ragazzo si era allontanato dalla famiglia. Non si poteva costruire nulla con lui. Faceva solo del male. Viveva in maniera sbagliata. Peccava quotidianamente. Faceva impazzire i genitori. Non accettava consigli o istruzioni.
Un giorno si è allontanato da casa sua e non si è più saputo nulla di lui.
I suoi genitori dopo un pò di tempo hanno fatto un annuncio per trovarlo senza scrivere troppi dettagli. Hanno scritto solamenteche tutto è stato perdonato e hanno invitato il figlio a tornare. Gli avrebbero dato una nuova possibilità. Hanno scritto nell’annuncio il luogo e l’ora dove incontrarsi.
Giunti all’appuntamento hanno incontrato 700 ragazzi. Tutti loro si sono riconosciuti in questo annuncio. Molti hanno basato tutto sulla frase che tutto era perdonato e che avrebbero potuto ricominciare una nuova storia.
La Madonna, generando Uno solo, ha portato la salvezza in questo mondo. Molti si sono ritrovati.
Noi, fratelli e sorelle, siamo qui assieme alla Madonna proprio per questa chiamata. La Madonna termina i Suoi messaggi dicendo “grazie per aver risposto alla Mia chiamata”. Cioè: grazie perchè avete letto; grazie perchè avete accettato di venire in un luogo dove vi sarà perdonato tutto. Il vostro peccato vi sarà perdonato e dimenticato e Maria vi abbraccerà e vi accarezzerà. Suo Figlio Gesù vi porterà un cuore nuovo e una vita nuova.
Ecco perchè veniamo qui. Ecco perchè veniamo con gioia a Medjugorje e negli altri santuari. Questa è la risposta.
Ci sentiamo abbracciati in mezzo ad un mondo che vive la mentalità del disprezzo. E la Madre raduna e abbraccia.
La venuta dalla Madonna è l’incontro della Verità. Venire da Lei significa fare l’esame di coscenza davanti alla Mamma. Mamma che guardi negli Occhi e alla quale non hai diritto di dire le menzogne. Venire dalla Madonna è fuga dall’egoismo e dall’individualismo.
Venire da Lei significa distruggere la mentalità di una vita senza la croce, senza la sofferenza. La Madre ci invita al mistero della salvezza che è arrivata proprio tramite la croce.
Fratelli e sorelle, la nostra Madre ci dice tante cose, ma noi dobbiamo entrare nel mistero della Sua vita.
Cosa ha vissuto Maria? Che dolori aveva? Noi parliamo dei 7 dolori di Maria.
Che cosa la rattristava? Che cosa La rattrista oggi?
Uno dei primi dolori è la profezia del vecchio Simeone, cioè che una spada avrebbe trafitto il Suo Cuore. E’ come se questo vecchio avesse voluto dirci che senza dolore, senza un cuore ferito, non c’è una nuova nascita. Lei ha sperimentato questa spada che ha trafitto il Cuore. La spada dell’incomprensione, degli sguardi, del disprezzo. Ha vissuto anche la calunnia, perchè pensavano che avesse concepito in un modo non legale.
Maria è passata per tanti dolori che abbiamo anche noi oggi: la calunnia, il disprezzo, derisione, menzogna.
E’ come se noi Cristiani avessimo dimenticato perchè Gesù Cristo è venuto. E’ venuto per ridonarci la dignità, per togliere le etichette dalle vite umane, per liberarci dal passato e rinnovare la nostra vita.
La seconda cosa che ha fatto soffrire Maria è stata la fuga in Egitto assieme al Bambino Gesù e a Giuseppe. Non aveva nulla. Solo la fede.
Solo la fede ti tiene in piedi. Non hai prospettive. Non hai un luogo dove qualcuno ti aspetta. Tutto è un deserto.
Tutto ciò che avevano poteva stare su un asino. Una famiglia profuga. Sono perseguitati.
Non vediamo che anche il mondo d’oggi si trova in questa situazione? Molti sono in movimento. Lasciano le loro case. Perdono la loro patria e non hanno prospettive.
Vediamo nel nostro popolo quanti lasciano i loro focolari, gli impegni, il lavoro.
Perchè lo facciamo? Oggi andiamo via come se non avessimo più la forza di lottare, come se fossimo disperati.
Fratelli e sorelle, questo fa rattristare la Madonna. Siamo diventati uomini senza casa. Siamo fuggiti dalle nostre radici.
Camminando per le vie di questo mondo non perdiamo solo la patria, ma anche i valori.
Chi dice di essere cittadino del mondo non ha più la patria. E’ un uomo senza casa, perchè ha perso la propria culla. Ha dimenticato il primo pianto.
Cosa ha rattristato ancora Maria? Cosa ha trafitto il Suo Cuore? Quell’episodio avvenuto durante il pellegrinaggio a Gerusalemme quando ha perso Suo Figlio Gesù.
La Madre ha fatto quello che doveva fare: raccogliere i figli persi.
Lei ha cercato a Gerusalemme Suo Figlio. Lui, però, non si era perso. Lui era lì dove era il Suo posto, nella casa del Padre Suo.
Oggi quante madri e quanti padri cercano i propri figli. E’ come se avessimo cominciato a vivere la parabola del Figliol Prodigo.
E’ come se dovessimo provare tutto ciò che ci offre il mondo. E’ come se avessimo fatto l’abbonamento alla nostra perdizione.
Tanti si sono persi. Tanti hanno perso il cuore, l’anima, i propri valori. Hanno venduto a poco prezzo le grazie. I valori della propria vita li hanno gettati davanti ai porci di questo mondo.
La Madonna è triste. Grazie a Dio tanti vengono qui. Qui si sono ritrovati e hanno ritrovato la propria patria. Hanno ritrovato le proprie radici. Sono ritornati dalla propria Madre. Essere il figliol prodigo non è facile, ma è bello pensare che c’è qualcuno che ti aspetta per dirti: “Vieni, vieni. Ti ridonerò la tua dignità. Ti darò un vestito bellissimo e un anello. Ti rimetterò in piedi”.
Questo succede qui a noi per mezzo di Maria. In Gesù Cristo tanti vivono qui lo stato di grazia.
Una frase di Ernest Hamingway dice: “Viviamo la giovinezza. Facciamo le stupidate e i peccati. Tanto c’è la vecchiaia per pentirsi”.
Questa non è la via di Dio. Dio ci invita ad essere responsabili dell’infanzia, della giovinezza, dell’età matura, della vecchiaia.
Noi siamo anime, siamo cuori, non siamo i numeri delle statistiche. Non siamo anni e numeri.
Perciò, fratelli e sorelle, viviamo la grazia del Signore in ogni momento della nostra vita.
La Madonna era molto triste quando ha dovuto vedere come Gesù è stato condotto per le vie di Gerusalemme, come è stato flagellato, crocifisso. Sopratutto era triste in quel momento di pietà in cui ha ricevuto tra le Sue braccia Gesù morto.
Le lacrime scorrevano e nasceva la speranza.
Proprio come accade qui a Medjugorje. Nelle lacrime nasce la speranza. E’ l’opera di Dio. Non sono le lacrime dei disperati, ma dei pentiti. Non sono le lacrime della tristezza, ma quelle di Maria Maddalena che piange sulla propria vita e desidera iniziare da capo. Desidera sentirsi dire: “Và e non peccare più”. Questo accade nel Confessionale.
Così anche la Madre, rimasta senza niente, aveva tra le braccia solo il Figlio. Questo è tutto e ci basta.
Abbracciate Cristo. Abbracciate Gesù, fratelli e sorelle. Abbraccia il tuo Cristo e bacialo con il bacio dell’Amore profondo. Questa è la salvezza. Questa è la trasformazione. L’anima troverà la propria pace e il proprio ristoro.
La Madre Celeste prega, come fanno tante nostre madri.
Il nostro beato Stepinac diceva: “Quando vi tolgono tutto mettete le vostre mani nella preghiera e avrete tutto”.
Medjugorje è il luogo della preghiera.
Voi fratelli e sorelle che siete qui fate ritornare nelle vostre vite il saluto di Maria. Esultate nelle vostre famiglie: “L’Anima Mia magnifica il Signore”.
Fate spazio nelle vostre famiglie alla Regina della Pace.
Con la Madonna arriveremo a Gesù. Allora sentiremo quelle parole: “Fate ciò che Lui vi dirà”. Quello che Lui dice bisogna farlo.
Per questo Maria è venuta qui tra di noi. Per riavvicinarci a Gesù. Per averLo nuovamente nel nostro cuore.
Oggi facciamo festa lodando nostra Madre con gratitudine. Facciamo festa, perchè Lei ha pronunciato il Suo “fiat”. Il “fiat” è la responsabilità. Lei ha accettato la responsabilità, ciò che molti Cristiani evitano.
Noi, fratelli e sorelle, siamo responsabili. Sentiamo la Parola di Dio che ci dice: “Voglio la vostra responsabilità. Voglio il vostro fiat!”
Desidero dire”sì, o Dio, voglio fare la Tua Volontà”?
Oggi domandati: quale volontà fai? Quella del Padre o quella di certe persone che ti minacciano? Chi ascolti? Segui Dio, Gesù, la Madonna o i tuoi desideri?
Pronuncia oggi il tuo fiat: “Sia fatto di me secondo la Tua Parola, Signore”.
Papa Francesco è in questi giorni in Colombia e ha detto: “Giovani, sognate una vita migliore. Sognate cose grandi, ma assumetevi la responsabilità della vostra anima. Accettate la responsabilità per i vostri cari, per il vostro prossimo. Accettate la responsabilità per la Chiesa Cattolica che dobbiamo proteggere sulla terra. La Chiesa Cattolica è segno della presenza di Gesù sulla terra”.
Con questi pensieri viviamo il compleanno di Maria, nostra Madre. Facciamo un regalo a Maria: regaliamoLe i nostri canti, le nostre preghiere, i nostri entusiasmi.
Mettiamo tutto in poesia: Dove metto le mie lacrime? Le lascio al mare, al vento, alla terra? Dove metto le mie lacrime? Oh, mie lacrime. Dove vi metto? Le metto nelle Tue Mani, nel Palmo della Tua Mano. Tu che richiami la terra, il vento e il mare. Noi sappiamo dove mettere le nostre lacrime: nel Grembo materno. Tramite Maria arriveranno a Gesù.
Amen.