Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

Richiesta di preghiere

* * * * *

Per la Richiesta di Preghiere è possibile da oggi utilizzare il MODULO che si trova qui a sinistra.

Le intenzioni saranno oggetto della preghiera comunitaria durante l'incontro del
Gruppo di Preghiera Regina della Pace ogni Giovedì.

* * * * *

venerdì 22 marzo 2019

Omelia della santa Messa Medjugorje, 17 marzo 2019


Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. Mentre pregava, il suo volto cambiò d'aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elìa, apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme.
Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui.
Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa». Egli non sapeva quello che diceva.
Mentre parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All'entrare nella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'eletto; ascoltatelo!».
Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto.
Parola del Signore.

  
Cari fratelli e sorelle, la Trasfigurazione è descritta in tutti i Vangeli nei dettagli, ma rimane comunque un mistero. Si tratta di una realtà che solo la Parola di Dio ci può rivelare.
Un esempio ci può aiutare a capire questa manifestazione gloriosa di Gesù.
Uno scrittore ha scritto riflessioni sulla seconda guerra mondiale. Ha descritto gli aerei che volavano sopra al suo paese. I cittadini dovevano rimanere al buio per non farsi notare. Usavano delle lampade che facevano una tenue luce azzurra. Questa luce rendeva le cose più scure del normale.
Gesù, in quanto Dio, era la luce, ma in certe situazioni non poteva rivelarsi. Venendo sulla terra si è adattato alla possibilità dei nostri occhi che non riescono a sostenere la luce del sole.
La prima lezione che ci deriva da questo evento è l’invito ad alzarci. Il Vangelo ci fa ricordare che per vedere Dio dobbiamo innalzarci. Questo verbo si riscontra spesso nella Bibbia.
Gesù sale sul monte per pregare e prepararsi al Calvario.
Tutti i credenti sono invitati a vivere la vita cristiana e la perfezione dell’amore. Ma seguire Gesù non è possibile senza accettare la salita al monte.
Non c’è santità senza rinunce e lotte spirituali. Chi cammina verso la santità non smette mai di percorrere questa via.
L’evangelista Luca dice che Gesù era sempre cosciente della sofferenza che doveva affrontare.
La Sua gloria doveva imprimersi nella memoria dei discepoli come segno di un Dio che presto avrebbero visto crocifisso.
La Trasfigurazione fa parte della pedagogia di Dio che pian piano ci introduce nella realtà della Persona di Gesù.
San Pietro, nonostante tutti i suoi dubbi ci dice: “Noi testimoniamo la Sua gloria”. La Trasfigurazione rivela il mistero di Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo. Abbiamo bisogno di Lui.
Un giorno prima della Trasfigurazione Gesù ha chiesto: “Cosa dicono gli uomini di Me?” Le risposte sono oggi come in quell’epoca. un uomo grande, un maestro, un profeta.
Ma questo è tutto? Il mistero della Trasfigurazione va oltre e ci mostra la pienezza della vita in Gesù Cristo. Egli manifesta la gloria di Dio e rivela che per entrare nella gloria bisogna prendere sulle spalle la croce.
Dio Padre fa sentire la Sua Voce e una nube avvolge i discepoli. Quest’ultima è un segno dello Spirito Santo. A noi rimane di entrare in questo mistero con ogni nostra ferita.
Giorni bui ci sono per ogni persona. E’ triste quando le disgrazie ci scoraggiano e ci incutono sfiducia in noi stessi e in Dio.
Dentro di noi dobbiamo avere una scintilla che ci fa sempre ricordare che siamo figli di Dio.
Sant’Agostino parla di un Maestro interiore che ci da sempre le risposte ai dubbi della vita. E’ una situazione che manca a molti di noi.
Anche Pietro non ha capito subito. Lui voleva fare tre capanne per vivere sul monte con Gesù, ma Egli spiega che bisogna scendere per servire gli altri.
La Vita è scesa sulla terra per morire, per sentire fame e sete, stanchezza. E tu? Tu respingi la sofferenza.
La Trasfigurazione di Gesù garantisce a noi la nostra trasfigurazione.
Pietro, Giacomo e Giovanni devono scendere dal monte e non riescono nemmeno a parlare di questa esperienza.
Quando la quotidianità ci opprime sentiamo la nostalgia del monte, dei momenti di grazia che abbiamo sperimentato precedentemente.
La gloria rivelata nella Trasfigurazione non passa per le visioni, ma per la Via Crucis. Questa è la via che Gesù ci ha indicato.
Cari fratelli e sorelle, anche noi come i discepoli di Gesù vorremmo costruire tre capanne sul monte dove il nostro spirito gioisce, ma dobbiamo tornare tra gli altri e cercare di superare le prove per poterci chiamare “cristiani”. Non bastano esperienze mistiche, meditazioni profonde e visioni. A noi vengono chiesti atti concreti, atti d’amore. Dobbiamo diventare servi umili negli atti della vita quotidiana.
Gesù continua la Sua Trasfigurazione ed è vicino a noi. Si mette al nostro fianco come Colui che cammina con noi sulla via, ma spesso non Lo riconosciamo, perchè i nostri cuori non sono puri e la nostra vista è accecata.
In ogni incontro che facciamo possiamo trovare qualcosa da imparare. Se facciamo così la nostra vita verrà trasformata.
Dobbiamo cercare nel nostro prossimo il Volto trasfigurato di Gesù.
Sono passati tanti anni da quando il Vescovo Kantuna in Canada ha chiesto alle suore dell’Immacolata di prestare servizio in un ospedale per lebbrosi. La Superiora ha detto alle consorelle: “Care sorelle, chi di voi si sente disposta a servire in questo ospedale si alzi e vada”. Tutte le suore si sono alzate disposte ad aiutare.
Anche noi, fratelli e sorelle, vorremmo essere come Pietro, Giacomo e Giovanni sul monte Tabor con Gesù. Vorremmo vivere sempre una fede ferma e chiara, aspettando il momento in cui potremo vivere questa gloria nell’eternità.
Sentiamo la nostalgia del Tabor, perchè la vita ci opprime con tanti momenti di Calvario.
Spesso ci manca l’amore e vediamo ovunque sofferenza.
Gesù Cristo, donaci un po' della Tua luce, perchè spesso la nostra strada è troppo buia. Illuminaci e donaci la forza per salire il Calvario con Te.
Così giungeremo al Cuore del Padre.
Amen.
fra Dragan Ružić

Omelia della santa Messa prefestiva Medjugorje, 16 marzo 2019


Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. Mentre pregava, il suo volto cambiò d'aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elìa, apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme.
Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui.
Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa». Egli non sapeva quello che diceva.
Mentre parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All'entrare nella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'eletto; ascoltatelo!».
Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto.
Parola del Signore.


Cari fratelli e sorelle, ci troviamo in un tempo di grazia. La Quaresima è sempre stata un tempo di penitenza e rinnovamento spirituale.
Ogni giorno deve essere per noi un rinnovamento spirituale e un occasione per incontrare Gesù, ma in modo particolare in questo periodo in cui facciamo di tutto per rinunciare alle abitudini cattive.
Chi cerca veramente di incontrare Dio prende sul serio questo tempo di grazia. per vivere con Lui ogni giorno. Per questo dobbiamo rafforzare la nostra preghiera e meditare le realtà che ci attendono.
Sappiamo che in questo periodo dobbiamo rinunciare maggiormente alle cose e digiunare.
Ma il senso della quaresima non è questo. Il vero senso è rimanere liberi, sani e crescere nell’amore per poter avere più tempo per Dio e per i nostri fratelli. Così possiamo scoprire l’Amore di Dio per viverLo e prepararci per l’incontro finale con Lui nell’eternità.
Davanti a noi sta il tempo che ci viene donato per aprirci al Signore e accogliere l’invito alla conversione.
Ogni giorno dobbiamo rispondere all’invito alla conversione, come dice la Madonna qui a Medjugorje.
Le prime parole della predicazione di Gesù sono: “Il Regno di Dio è vicino. Se volete entrarci convertitevi e credete”. Questo è il nostro biglietto di accesso al Regno di Dio.
Convertirsi significa essere consapevoli della nostra debolezza e del nostro peccato, confessarsi e pentirsi. E’ il tempo in cui capire che la cosa più importante è vivere con Dio. Solo in questo modo siamo sulla via giusta che porta alla salvezza e crescere nella fede.
Vediamo l’esempio di Abramo. Come credeva in Dio? Quanta fede aveva in Lui? Dio gli si rivela in sogno e vuole fare un patto con lui. Abramo dona la sua fiducia a Dio e sapeva che sarebbe rimasto fedele a questa alleanza. Egli dona la sua vita e sa che Dio non lo avrebbe abbandonato.
Sì, fratelli e sorelle. La fede consiste nell’abbandono totale a Dio. Dobbiamo lasciarci guidare dal Suo Spirito. Solo così saremo capaci di lottare contro ogni peccato.
Questo è il tempo che Dio ci dona. Sfruttiamolo come ha fatto Abramo. La sua fiducia si è tramutata in abbandono totale. Anche noi dobbiamo manifestare così la nostra fede.
Dio ci ha creati a Sua Immagine e ci dona sempre la forza per rispondere alla Sua chiamata per guidarci e liberarci. Chi di noi non vuole essere libero?
Il Vangelo di oggi ci parla di questo. Gesù ha preso con Sé i tre discepoli più fedeli. Mentre pregava si è trasfigurato davanti a loro, affinché potessero provare un pochino di Paradiso qui sulla terra.
Gesù parlava della Sua sofferenza e loro non capivano. Essi vedevano il loro Maestro che faceva miracoli, guariva le persone, scacciava i demoni e ora parla della Sua morte. Gesù parla in questo modo per incoraggiarli e si trasfigura davanti a loro per mostrare cosa ci aspetta dopo le sofferenze di questa vita: il Regno di Dio.
Gli apostoli rimangono entusiasti di questa esperienza di Paradiso.
Fratelli e sorelle, Gesù tace e tra Sé e Sé pensa: “Pietro, sii coraggioso. Nei momenti difficili ripensa a questi istanti di felicità”. Noi sappiamo quanto era debole Pietro che ha rinnegato Gesù per tre volte.
Fratelli e sorelle, a volte possiamo incontrare Gesù, ma nei momenti difficili perdiamo la nostra fede, perdiamo il coraggio per testimoniare la nostra esperienza con Gesù. Lui ha dato la Sua Vita per noi. E’ l’inizio e la fine. Gesù è il senso della nostra vita. Chi ha Gesù nel cuore ha un Re eterno e possiede l’unica via per la salvezza.
Gesù è morto per salvarci. Doveva farlo per riconciliare l’umanità corrotta con il Regno di Dio.
La Trasfigurazione di Gesù è una grande speranza per tutti noi. Per noi significa che verrà un giorno in cui terminerà ogni male e trionferà l’Amore di Dio. La vittoria di Gesù sarà celebrata in modo speciale.
Verrà per ognuno di noi il giorno in cui dovremo comparire davanti a Dio.
Questa Trasfigurazione ci aiuti a non allontanarci mai dalla retta via. Nonostante tutte le croci rimaniamo fedeli a Dio.
Medjugorje è il nostro Tabor. Qui la nostra Madre Celeste ci visita e dice: “Vi porto Mio Figlio che vi ama così tanto. Vi aspetta in Paradiso. Vi invita ad una santità totale”.
Già nei primi giorni ci ha detto questo: “Il Mio desiderio è che siate felici e benedetti”.
Ho sentito tante testimonianze e tante persone dire: “Ogni volta che torno a Medjugorje ricevo un’altra grazia”.
Fratelli e sorelle, la nostra Madre Celeste ci invita a vivere meglio questo tempo di Quaresima.
Sappiamo che la conversione è un processo che dura tutta la vita, ma è importante cominciare. Adesso è il tempo della grazia. Adesso è il momento opportuno, non tra due ore.
Rispondiamo alla chiamata di Dio con una preghiera forte e con fede.
Questo è ciò che la Madonna vuole da noi. Facciamo di tutto, affinché la fede in Dio sia la cosa più importante per noi.
Un pellegrino americano mi ha detto: “Sono qui da una settimana. Questi sono i giorni più belli della mia vita. Ho trovato la pace nel mio cuore. Ho sperimentato il Tabor. Ho sempre creduto in Dio, ma da nessuna parte ho vissuto il Suo Amore come qui a Medjugorje. Qui si prega più facilmente. Non dimenticherò mai l’incontro con Dio nella Confessione. Sono un uomo ricco. Ho tutto quello che desidero, ma i beni materiali non mi possono rendere felice. Ciò che ho trovato a Medjugorje è la vera ricchezza”. Vado a casa, ma tornerò presto a Medjugorje”.
Fratelli e sorelle, potrei parlarvi per giorni di queste testimonianze a Medjugorje. Tante persone hanno trovato qua ciò che avevano cercato per tutta la vita. Quello che si riceve non si deve perdere mai.
Una sera d’estate stavo passeggiando intorno alla chiesa e ho incontrato una giovane austriaca che mi ha domandato di confessarsi. Mi ha detto: “Sono qua da 8 giorni. Chiedo alla Madonna una grazia. Domani riparto”. Dopo mezz’ora di confessione questa ragazza mi ha lasciato con le lacrime agli occhi.
La Madonna è venuta qua per renderci felici e affinché ognuno possa giungere al Paradiso.
Tanti hanno vissuto qui il loro Tabor, perciò svegliamoci in questi giorni. Rinunciamo a tutto ciò che ci infastidisce. Facciamo come Abramo. Egli ha deciso di incamminarsi per un luogo sconosciuto.
Viviamo in pienezza la nostra fede, perchè essa è una prospettiva sicura verso il futuro. Vediamo la luce nel buio e dobbiamo seguirla senza avere dubbi. Con noi ci sono Gesù e Maria.
Solamente attraverso la croce raggiungeremo la felicità. Non possiamo descrivere con parole umane la felicità che ci aspetta. Ci duole l’anima quando vediamo le persone che vivono senza Dio.
Si può godere la vita, ma con Dio.
La nostra Madre Celeste - che da tanto tempo è con noi - ci doni questa grazia.
Amen.
fra Petar Ljubičić

Preghiere serali a Medjugorje dal 16 al 20 marzo 2019

Adorazione Eucaristica del 16 Marzo 2019

presieduta da Fra Marinko Šakota



Gesù, hai preso con Te tre discepoli su una alta montagna per pregare, affinché..

Gesù, Tu dici che la preghiera è il tempo della trasfigurazione del cuore...

“... Ascoltatelo!” Solamente un cuore pieno di amore ascolta gli altri attentamente...

Canto: Signor Gesù, noi T’adoriam...  

- Gesù, noi Ti adoriamo! Tu hai preso con Te tre dei Tuoi discepoli su una alta montagna per pregare, affinché potessero fare l’esperienza della Tua Trasfigurazione. Noi siamo adesso con Te in preghiera. O Gesù, donaci la grazia di fare l’esperienza della Tua Trasfigurazione. Apri i nostri cuori per Te che sei presente nel Pane.

Canto: Spirito Santo, scendi su di noi!

           Spirito Santo, riempici d’Amor!

- Gesù, Tu dici che la preghiera è il tempo della trasfigurazione del cuore: è l’Amore che trasfigura il cuore. Noi Ti preghiamo: donaci il Tuo Amore, affinché il Tuo Amore possa trasfigurare le relazioni nelle nostre famiglie attraverso la trasfigurazione del nostro cuore. Possa il Tuo Amore trasfigurare le nostre croci e la nostra vita.

Canto: Ti dono il mio cuore, Gesù: trasformalo come vuoi Tu!

            Attiralo a Te che sei la Pace: sei Via, Verità e Vita!

- Sulla montagna la voce del Padre ha detto: “Questo è mio Figlio, ascoltatelo!” Solamente un cuore pieno di amore ascolta gli altri attentamente e vuole capire. O Gesù, donaci l’Amore per Te e per la Tua Parola.

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica. Dio sia benedetto..

Canto finale: Ave, Maria, Ave! Ave, Maria, Ave!

Andate in pace...

Fonte: https://youtu.be/bQ8Zx69-fq8 (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

Preghiera di guarigione del 19 Marzo 2019

guidata da fra Zvonimir Pavičić

Hvala, Criste...

Signore, noi veniamo a Te. Noi veniamo con tutti i nostri problemi, con le nostre malattie, ma anche con le nostre gioie e con tutto quello che forma la nostra vita, con quello che ci fa crescere. Vogliamo mettere tutto dinanzi a Te ed essere sinceri, perché nulla resta nascosto a Te, ma ci abbandoniamo a Te in questi momenti. Ti preghiamo: rimani con noi, perché noi sappiamo che Tu sei il nostro Dio, l’unico che ci può dare quello di cui abbiamo bisogno per la vita. Crediamo che solo Tu puoi guarirci. Perciò, Signore, veniamo a Te.

Thankyou, Jesus... Dzenki, Jesu...

Signore, prendi la nostra passione, prendi tutti i nostri problemi, tutto quello che è di peso, tutto quello che ci toglie la pace. Signore, Tu prendi tutto questo e lo poni sulle Tue spalle e a noi doni la vita nuova, affinché, con cuore rinnovato, possiamo seguirti in modo perfetto. Signore, aiutaci a camminare sempre in questa novità di vita, così che, con la testimonianza di vita, portiamo a Te le altre persone con le quali condividiamo il nostro quotidiano. Signore, allontana da noi tutte le abitudini malvagie, allontana da noi ogni male, ogni peccato nel quale siamo caduti, e donaci un cuore umile.

Grazie, Gesù... Danke, Jesus...

Fonte di acqua viva, irrora i nostri cuori con la Tua Misericordia, lavaci e purificaci da ogni impurità, affinché possiamo servirti con tutto il cuore, per poter essere nella verità davanti a Te e davanti agli uomini. Rendici una sorgente del Tuo Amore, affinché noi possiamo perdonarci gli uni gli altri e così far sanare le ferite, portare agli altri quell’Amore che guarirà. Signore, guarisci ogni malattia che ci separa da Te e donaci la grazia di un nuovo inizio. Gesù, noi crediamo in Te. Rimani con noi! Sii in mezzo a noi e sanaci con la Tua Presenza. Guariscici, Signore!

Kyrie eleison...   

Voi, le vostre famiglie e tutti coloro per i quali stasera avete pregato, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo.

Amen.

Fonte: https://youtu.be/ztPVtWsULkU (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

Adorazione Eucaristica del 19 Marzo 2019

presieduta da fra Perica Ostojić

Signore, Ti adoro perché Tu solo sei il Signore della mia vita...

Signore Gesù, eccomi stasera in ginocchio qui davanti a Te, per pregare per...

Il Tuo Spirito ci colma, ci protegge, veglia su di noi....

Canto: Kumbaya, my Lord, Kumbaya...  O Lord, Kumbaya.

           Vieni a noi, Signor, vieni a noi... Signore, vieni a noi.

- Signore, Ti adoriamo nel Santissimo Sacramento dell’altare. Ti adoro con tutto il cuore, con tutta l’anima, mente e volontà. Io Ti adoro perché Tu solo sei il Signore della mia vita e per questo ho bisogno della Tua Presenza, del Tuo Amore e della Tua Misericordia. Eccomi, Signore: colmami e proteggimi con la Tua Presenza.

Canto: Gesù (X8) ... Amen...

- Signore Gesù, stasera in ginocchio, eccomi qui davanti a Te, perché vorrei pregare per tutti i miei bisogni. Tutto quello che porto nel profondo del mio cuore. Ma, Signore, vorrei pregare anche per coloro che hanno chiesto le nostre preghiere, particolarmente per coloro che da sempre non hanno conosciuto il tuo Amore, per coloro che sono prigionieri del peccato, per coloro che soffrono nell’anima e nel corpo.

Canto: Guariscimi, o mio Signore! Guariscimi, o mio Signor!

           Con il Tuo Sangue guariscimi! Guariscimi, o mio Signor!

- Alla fine Ti preghiamo, Signore: manda il Tuo Spirito. Il Tuo Spirito ci colma, ci protegge, veglia su di noi e ci aiuti. Aiutaci con il Tuo Spirito nella nostra vita quotidiana a riconoscere la Tua voce, affinché, come Giuseppe, nell’umiltà, pazienza e con amore, possiamo vivere ogni giorno la chiamata che Tu ci hai dato.

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison...Benedizione eucaristica. Dio sia benedetto..

Canto finale: Gospa, Maika moia, Kralica mira... (bis)                

Fonte: https://youtu.be/JVrgqNgJbGA Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero

Preghiera di guarigione del 20 Marzo 2019

guidata da fra Zvonimir Pavičić

Hvala, Criste...

Signore, tu hai sofferto per noi, ci hai lasciato l’esempio perché noi potessimo seguire le Tue orme. Tu eri anche senza peccato, non hai commesso nulla per cui avresti dovuto essere punito. Hai sopporti tao tutto con pazienza, lasciando tutto nelle mani del giudice giusto. Così hai portato tutti i nostri peccati sulla Croce, perché, senza peccati, potessimo vivere nella giustizia. Tu ci insegni a rimanere simili a Te, a rimanere nel Tuo Amore per ricevere la novità della vita nuova. Tu ci insegni a portare con pazienza tutti i nostri dolori e i nostri problemi, nelle difficoltà che incontriamo, ma nello stesso momento ci incoraggi a pregarti per la salute e a rivolgerci sempre a Te. Grazie, Signore!

Thankyou, Jesus... Danke, Jesus...

Signore, non permettere che ci allontaniamo da Te nelle nostre malattie e in tutti i nostri problemi, Signore. Non permettere che cerchiamo la consolazione su altri pascoli, perché Tu sei l’Unico Pastore e noi riconosciamo la Tua voce: la Tua voce noi vogliamo seguire. Fa’ che possiamo sentire la Tua voce anche nei momenti difficili, di afflizione, affinché non rimaniamo assorbiti e che in noi faccia sempre eco la Tua voce, la voce con la quale Tu ci inviti a venire da Te, la voce con la quale Tu ci dici: “Venire a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi e io vi ristorerò.”

Grazie, Gesù... Dzenki, Jesu...

Signore, siamo qui. Con la Tua venuta e con la Tua Presenza vogliamo rispondere alla Tua chiamata, vogliamo dirti: “Eccoci! Eccomi, Signore!” In questa risposta Tu riconosci i nostri desideri. Tu sai quello che duole, Tu sai ciò di cui abbiamo bisogno, Tu lo sai meglio di noi stessi. Donaci, Signore, i Tuoi doni, la Tua grazia, per far rinascere in noi la libertà da tanti legami, e, guariti da diverse malattie, sii Tu la nostra consolazione, consolazione nella quale non ci mancherà nulla, perché in Te non può mancare nulla. Signore, benedici tutti noi.

Kyrie eleison...   

Voi, le vostre famiglie e tutti coloro per i quali stasera avete pregato, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo.

Amen.

Fonte: https://youtu.be/zFpODyED1jk (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

È cambiata la frequenza del canale italiano per la traduzione simultanea

È cambiata la frequenza del canale italiano per la traduzione simultanea:

non è più 99.7

ma 90.1.

mercoledì 20 marzo 2019

Approfondimenti della fede - Video - IIa Domenica di Quaresima - Catechesi di Don Renzo Lavatori Chiesa di Santa Marcella all'Ostiense a Roma

IIa Domenica di Quaresima - Catechesi di  Don Renzo Lavatori  Chiesa di Santa Marcella all'Ostiense a Roma

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 14, 53-72)

Condussero Gesù dal sommo sacerdote, e là si riunirono tutti i capi dei sacerdoti, gli anziani e gli scribi. Pietro lo aveva seguito da lontano, fin dentro il cortile del palazzo del sommo sacerdote, e se ne stava seduto tra i servi, scaldandosi al fuoco.
I capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio cercavano una testimonianza contro Gesù per metterlo a morte, ma non la trovavano. Molti infatti testimoniavano il falso contro di lui e le loro testimonianze non erano concordi. Alcuni si alzarono a testimoniare il falso contro di lui, dicendo: «Lo abbiamo udito mentre diceva: «Io distruggerò questo tempio, fatto da mani d'uomo, e in tre giorni ne costruirò un altro, non fatto da mani d'uomo»». Ma nemmeno così la loro testimonianza era concorde. Il sommo sacerdote, alzatosi in mezzo all'assemblea, interrogò Gesù dicendo: «Non rispondi nulla? Che cosa testimoniano costoro contro di te?». Ma egli taceva e non rispondeva nulla. Di nuovo il sommo sacerdote lo interrogò dicendogli: «Sei tu il Cristo, il Figlio del Benedetto?». Gesù rispose: «Io lo sono!

E vedrete il Figlio dell'uomo
seduto alla destra della Potenza
e venire con le nubi del cielo».

Allora il sommo sacerdote, stracciandosi le vesti, disse: «Che bisogno abbiamo ancora di testimoni? Avete udito la bestemmia; che ve ne pare?». Tutti sentenziarono che era reo di morte.
Alcuni si misero a sputargli addosso, a bendargli il volto, a percuoterlo e a dirgli: «Fa il profeta!». E i servi lo schiaffeggiavano.
Mentre Pietro era giù nel cortile, venne una delle giovani serve del sommo sacerdote e, vedendo Pietro che stava a scaldarsi, lo guardò in faccia e gli disse: «Anche tu eri con il Nazareno, con Gesù». Ma egli negò, dicendo: «Non so e non capisco che cosa dici». Poi uscì fuori verso l'ingresso e un gallo cantò. E la serva, vedendolo, ricominciò a dire ai presenti: «Costui è uno di loro». Ma egli di nuovo negava. Poco dopo i presenti dicevano di nuovo a Pietro: «È vero, tu certo sei uno di loro; infatti sei Galileo». Ma egli cominciò a imprecare e a giurare: «Non conosco quest'uomo di cui parlate». E subito, per la seconda volta, un gallo cantò. E Pietro si ricordò della parola che Gesù gli aveva detto: «Prima che due volte il gallo canti, tre volte mi rinnegherai». E scoppiò in pianto.

lunedì 18 marzo 2019

L’apparizione annuale a Mirjana Dragićević-Soldo - 18 marzo 2019

La veggente Mirjana Dragićević-Soldo ha avuto apparizioni giornaliere dal 24 giugno 1981 fino al 25 dicembre 1982. In occasione della sua ultima apparizione quotidiana, rivelandole il decimo segreto, la Vergine le rivelò che avrebbe avuto apparizioni annuali il 18 marzo e così è stato in tutti questi anni. Più di mille pellegrini si sono riuniti per la preghiera del rosario. L’apparizione è iniziata alle 13:41 ed è durata fino alle 13:46.

"Cari figli, come Madre, come Regina della Pace vi invito ad accettare mio Figlio affinché possa donarvi la pace dell’anima, affinché possa donarvi ciò che è giusto, ciò che è buono per voi. Figli miei mio Figlio vi conosce. Lui ha vissuto la vita dell’ uomo e nello stesso tempo di Dio, vita meravigliosa – corpo umano, spirito divino. Perciò, figli miei, mentre mio Figlio vi guarda con i suoi occhi di Dio, penetra nei vostri cuori. I suoi occhi miti e calorosi nel vostro cuore cercano se stesso. Può trovare se stesso, figli  miei? AccettateLo e i momenti di dolore e sofferenza diventeranno i momenti di mitezza. AccettateLo e avrete la pace nell’anima, la diffonderete a tutti attorno a voi ed è questo ciò di cui adesso avete più bisogno. scoltateMi, figli miei. Pregate per i pastori, per coloro le cui mani Mio Figlio ha benedetto. Vi ringrazio."

venerdì 15 marzo 2019

Preghiere serali a Medjugorje dal 9 al 14 marzo 2019

Adorazione Eucaristica del 9 Marzo 2019

presieduta da Fra Marinko Šakota


Gesù, Tu hai risposto a satana nel deserto che noi dobbiamo adorare solo Dio...

Gesù, Tu hai risposto a satana che l’uomo non  vive solamente di pane...

Gesù, Tu hai vinto due tentazioni:...  possedere ed essere popolare...

Canto: Signor Gesù, noi T’adoriam... 

- Gesù, Tu hai risposto a satana nel deserto che noi dobbiamo adorare solamente Dio. Per questa ragione siamo qui: Gesù, nostro Signore, noi Ti adoriamo. Donaci l’Amore per poterti adirare con il cuore.

Canto: Se vuoi la Pace (X2), guarda a Gesù (X4). (bis)

- Gesù, Tu hai risposto a satana che l’uomo non  vive solamente di pane, ma di ogni Parola di Dio. Fortifica, Signore, il nostro spirito affinché possiamo dire ‘Sì’ a te e alla Tua Parola e dire ‘No’ al peccato e a ogni sorta di attaccamento.

Canto: Spirito Santo, vien nel mio cuore!

           Del Tuo Amore infiammalo!

- Gesù, Tu hai vinto due tentazioni: la prima ‘ti darò tutto’ e la seconda ‘gettati in basso’. Insegnaci, Signore, a vincere la tentazione di possedere e la tentazione di essere popolare. Insegnaci ad essere liberi.

Canto: Gesù, Gesù! Confido in Te! (bis)

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica. Dio sia benedetto..

Canto finale: Gospa, Maika moia, Kralica mira...

Andate in pace...

Fonte: Dalla diretta.

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

Preghiera di guarigione del 10 Marzo 2019

guidata da fra Perica Ostojić



Hvala, Criste...

Signore, nella S. Messa di stasera, Tu sei venuto di nuovo, sei venuto perché volevi donarti a me, sei entrato nella mia vita donandomi il Tuo Corpo e il Tuo Sangue. Perciò, Signore, adesso Ti prego di saper riconoscere il valore di questo dono, di poter riconoscere la grandezza del Tuo Amore.

La Sacra Scrittura ci insegna, Signore, che il male esiste, ma, quando Tu vieni, il male perde ogni forza. Perciò Ti prego: per la potenza della Tua Presenza, allontana da me ogni influsso del male, tutto quello che mi impedisce di appartenere completamente a Te, di seguirti, di essere Tuo discepolo. Con la potenza della Tua Presenza, distruggi tutto quello che impedisce di appartenere a Te, e tutto quello di cui non riesco a liberarmi. Signore, quando tu sei presente, quando Tu sei vicino, sento che controllo più facilmente i miei pensieri e i miei sentimenti. Quando Tu sei presente, io sento la protezione, sento la forza, sento la pace, perché solo con Te io posso vincere tutto. Sei Dio Onnipotente. Perciò voglio che Tu stasera sia un Dio Onnipotente nella mia vita.

Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...  Alleluia...

Signore, adesso Tu sei qui, sento la Tua Presenza, sento il Tuo tocco e il Tuo Amore. Questo sentimento rimane più a lungo nel mio cuore, perché io voglio sentirmi sempre amato.

Tu sai che i miei dubbi spesso mi ostacolano. Perciò Ti prego: accresci la mia fede e la mia speranza, perché in questo momento io possa donarti tutto quello che tengo per me, tutto quello che mi fa guardare solo a me stesso, che non mi permette di incontrare altre persone.

Signore, dammi un cuore umile. Aiutami perché il Tuo perdono sia più forte del mio egoismo, così che io possa ammettere che io ho sbagliato, perché solo quando io riconosco questo, quando io confesso che ho peccato, io posso chiedere il perdono. Perciò, Signore, Ti prego: allontana da me ogni superbia, in modo particolare la superbia che non permette che il Tuo perdono viva nella mia vita, perché solo colui che ha provato la Tua Misericordia nella propria vita può perdonare agli altri in maniera giusta. Signore, io accetto la Tau Misericordia: purificami, consacrami, rendimi capace di perdonare gli altri.

Danke, Jesus... Dzenki, Jesu... Alleluia...

Signore, adesso che ho chiesto il Tuo perdono, adesso che ho perdonato me stesso, adesso voglio essere testimone del Tuo perdono in questo mondo, nella mia famiglia, nella società e nel mio posto di lavoro.

Signore, solo Tu sai quanto sono piccolo, quanto sono debole e peccatore, ma Tu continui ad amarmi, io valgo ai Tuoi occhi e Tu vuoi attirarmi a Te. Anche se debole, io posso essere la mano di salvezza per qualcuno. Rafforzami, Signore, aiutami a superare le mie debolezze.

Signore, Tu vedi tutte le ferite. Non voglio più tornare su queste, perché il Tuo tocco è onnipotente e non esiste nulla che Tu non possa guarire.

Signore, adesso voglio accrescere la mia fiducia in Te, voglio ripetere: ‘Signor, io credo a Te! Signore, credo a Te!’ Signore, davvero credo a Te.

Io voglio stare e rimanere con Te, voglio vivere con Te. Ho bisogno della Tua Presenza, ho bisogno del Tuo Amore, ho bisogno della Tua grazia. Signore, io Ti amo! Voglio anche ringraziarti perché Tu sei stato il primo ad amare me. Aiutami, affinché io possa rispondere al Tuo Amore.

Signore, Ti prego anche per la guarigione. Allontana tutto quello che impedisce di vivere una vita normale, in particolare, guarisci tutto quello che causa il peccato, guarisci tutte le ferite che causano il peccato.

Signore, aiutami a riconoscere le ferite che sono rimaste sommerse e che adesso mi ostacolano nel totale abbandono a Te. Guariscimi, Signore! Consacrami, Signore! Trasformami!

Kyrie eleison...

Tutti voi presenti qui, le vostre famiglie e tutti coloro per i quali avete pregato stasera, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo. Amen.

Fonte: https://youtu.be/fyDeUSRoVSY (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione e revisione a cura di P. Armando Favero)

Preghiera di guarigione dell 11 Marzo 2019

guidata da fra Zvonimir Pavičić

Hvala, Criste...

Signore Gesù, ascoltando i Vangeli sentiamo che Tu guarivi tanti malati che portavano da Te e guarivi coloro che venivano da soli davanti a Te. Anche noi oggi siamo venuti qui, Signore, siamo qui davanti a Te e nei nostri cuori portiamo tutti coloro che si sono raccomandati alle nostre preghiere. Siamo venuti con le nostre malattie, con i nostri problemi, angosce, difficoltà. Siamo venuti davanti al Tuo volto, Signore, affinché Tu possa guarirci, affinché Tu possa purificarci. Rivolgi il Tuo sguardo, Signore, su di noi, tocca il nostro cuore, la nostra anima e donaci una vita nuova.

Thankyou, Jesus... Grazie Gesù...

Signore, molti venivano da Te e Tu li guarivi., ma più della salute fisica è importante quella dell’anima, l’incontro con Te: questa è molto più importante della salute che Tu ci offri. Fa’, Signore, che sospiriamo sempre Te, che desideriamo la Tua Parola, il Tuo sguardo, il Tuo Amore, per poter essere i Tuoi veri discepoli. Fa’ che Ti riconosciamo nella Tua Parola e anche nello spezzare il Pane. Abbi pietà, Signore!

Danke, Jesus... Dzenki, Jesu...

Grazie, Signore Gesù, perché Tu ascolti le nostre implorazioni, grazie perché Tu ascolti le nostre preghiere che Ti rivolgiamo giorno e notte. Noi uomini siamo deboli e non ce la facciamo da soli: abbiamo bisogno della Tua mano di grazia che ci guidi in questa vita. Fa’, Signore, che Ti siamo sempre vicini ai Tuoi piedi. Fa’ che Ti ascoltiamo mentre Tu ci parli e ci ammaestri sull’Amore e sul Padre Celeste. Fa’ che la salute dell’anima e del corpo sia per noi esortazione per ascoltare sempre di più la Tua Parola e vivere sempre di più le Tue Leggi. Guariscici, Signore!

Kyrie eleison...   

Voi, le vostre famiglie e tutti coloro che sono nella vostra preghiera, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo.

Amen.

Fonte: https://youtu.be/pfGE1ANrAxc (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

Preghiera di guarigione del 12 Marzo 2019

guidata da fra Perica Ostojić

Hvala, Criste...

Signore, ci hai creati per Amore, per l’Amore immenso verso l’uomo  hai mandato Tuo Figlio Gesù. Ti sei umiliato ai nostri occhi assumendo il corpo umano. Questo a Te non ha dato fastidio perché Tu ami.

Hai creato l’uomo a Tua immagine e proprio da qui si riconosce la dignità umana: essere creato come l’essere amato e vivere come il Tuo Figlio Amato. Signore, hai tanto amato l’uomo da dare il Tuo Figlio Unigenito per l’uomo. Perciò Ti prego: dammi di incontrare stasera questo Amore, Amore che rialza sempre di nuovo, Amore che dona la forza, Amore che modella e consacra anche la vita umana più semplice.

Piccolo, fragile, spesso peccatore, ma sempre pieno di dignità. Sono così, Signore, ai Tuoi occhi, e questo mi consola, questo mi dona la forza. Tu non Ti stanchi di perdonare. La Tua Misericordia supera tutti i miei peccati, e Tu mi attiri a Te continuamente. Aiutami, Signore, a incontrare il Tuo Amore che desidera attirarmi, trasformarmi, che desidera consacrarmi.

Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...

Signore, Tu sei venuto per guarire i cuori feriti e angosciati. Per mezzo della Tua Croce hai dato un dì significato nuovo alla sofferenza. Nel Tuo dolore Tu hai toccato ogni dolore umano. La Croce non è più un luogo dove il dolore mostra la propria forza, ma il luogo dove avviene la grazia della redenzione.

Signore anche nelle nostre vite ci son o tante croci e facciamo fatica a portarle, spesso non accettiamo le nostre croci, abbiamo paura della croce, abbiamo paura della croce perché disturba i nostri progetti per il futuro. Anche Tu, Gesù, Ti eri spaventato, hai pregato e sudato sangue. Per amore e per obbedienza verso la Volontà del Padre, sapevi che al di là della Croce stava la luce della Risurrezione. Perciò Ti prego, Signore: per mezzo del Tuo dolore, per mezzo della Tua Croce, aiutaci a trarre la forza per accettare le nostre croci, e, una volta accettate, fa’ che conquistiamo la grazia della salvezza.

Danke, Jesus... Merci, Jesu...

Adesso Ti prego, Signore, di guarirmi. Alla Tua Presenza, tutto il resto perde la forza. Ci sono tante ferite che portiamo dentro di noi nella nostra vita. Perciò adesso Ti prego di guarirle, di guarire e di risanare tutte le ferite che abbiamo ricevuto nell’infanzia. Guarisci tutte le ferite dell’adolescenza. Guarisci tutto ciò che provoca il peccato nella mia vita.

Signore, guariscimi dal dolore che mi opprime a causa della morte dei miei cari: il vuoto che sento dentro per la loro morte, riempilo Tu, trasformalo nella speranza di un incontro nuovo.

Guarisci, Gesù, tutti i nostri rapporti, vite, discorsi inutili, comportamenti inutili. La pace che Tu versi nei nostri cuori, fa’ che possiamo versare questa stessa pace agli altri. Dona questa Tua consolazione a tutti coloro che soffrono di malattie gravi. Sii Tu, Signore, la Presenza che guarisce, Sii Tu la forza per camminare avanti.

E alla fine Ti prego, Signore, per tutte le anime schiave del peccato: toccale con la Tua grazia, liberale con la Tua Presenza, affinché, una volta liberate, possano lodarti e testimoniare in questo mondo.

Signore, con la forza della Tua Presenza, allontana da me l’influsso del maligno, di ogni male.

Manda il Tuo Santo Spirito, Signore, affinché possa riempirmi, difendermi, insegnarmi e ammonirmi.

Kyrie eleison...

Tutti voi, le vostre famiglie e tutti coloro che sono nella vostra preghiera, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo. Amen.

Fonte: https://youtu.be/AweY9IkYYAs (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione e revisione a cura di P. Armando Favero)



Adorazione Eucaristica del 12 Marzo 2019

presieduta da Fra Marinko Šakota

... Maria ha scelto la parte migliore e anche noi abbiamo scelto Te...

Gesù, Tu hai detto: “Cercate prima il Regno di Dio...

Gesù, Tu hai lavato i piedi a tutti i discepoli e hai detto loro: Vi ho dato l’esempio..

Canto: Kumbaya, my Lord, Kumbaya...  O Lord, Kumbaya.

           Vieni a noi, Signor, vieni a noi... Signore, vieni a noi.  

- Gesù, Ti adoriamo. Tu hai detto a Marta che Maria ha scelto la parte migliore e anche noi abbiamo scelto Te. Signore, sveglia il nostro cuore: che questo Incontro con Te sia un incontro con il cuore.

Canto: Risveglia in me il desiderio di Te, o mio Signor!

           Con la Tua grazia rinnovami: sii la mia vita, Gesù mio Salvator! (bis)

- Gesù, Tu hai detto: “Cercate prima il Regno di Dio.” Signore, risveglia in tutti noi il desiderio di cercarti. Che questo desiderio sia prima di ogni altro desiderio: che siamo vicini al Tuo Cuore.

Canto: Io Ti amo, Gesù e mi dono a Te!

           Sei sorgente di vita, consolazione del mio cuore.

           Ti prego, Gesù: ascoltami!

- Gesù, Tu hai lavato i piedi a tutti i discepoli e hai detto loro: “Vi ho dato l’esempio, perché anche voi facciate così.” Aiutaci, Gesù, a vivere secondo il Tuo esempio.

Canto: Veni, Sancte Spiritus...

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica. Dio sia benedetto..

Canto finale: Ave, Maria, Ave! Ave, Maria, Ave! (bis)

Andate in pace...

Fonte: https://youtu.be/1IPTg1DanNM (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

Preghiera di guarigione del 13 Marzo 2019

guidata da fra Perica Ostojić


Hvala, Criste...

Gesù, eccomi qui anche stasera alla Tua Presenza. Credo in Te e Ti amo sopra ogni cosa. Credo che adesso, stasera,  sei qui con me, perché desideri consolarmi, perché desideri ridonarmi la speranza. Tu adesso senti la voce della mia implorazione e mi accetti così come sono, desideri aiutarmi perché mi accetti così come sono.

Tu sei venuto su questa terra per guarire i cuori feriti e angosciati. Perciò, Gesù buono, desidero mettere adesso davanti a Te tutte le mie oppressioni, tutte le mie ferite, tutte le mie difficoltà, tutti i miei dolori. Rivolgi il Tuo sguardo misericordioso, Gesù, e consolami, guariscimi, incoraggiami.

Grazie, Gesù... Thankyou, Jesus...

Signore Gesù, adesso desidero pregarti di aiutarmi, a lasciare tutto ciò che non è necessario nella mia vita, tutto ciò che mi lega e mi rende schiavo. Gesù, entra Tu nel mio cuore, dimora in esso.

In modo particolare Ti prego: libera le vite umane da ogni dipendenza, dalla tossicodipendenza, alcool, immoralità. Non permettere, Signore, che le passioni momentanee siano il senso della nostra vita. Tu sei il mio Redentore e Salvatore!

Aiutami affinché la Tua Presenza sia la soddisfazione più grande della mia vita. Desidero che la Tua Presenza sia sorgente di gioia e di pace nel mio cuore.

Merci, Jesu... Danke, Jesus...

Signore Gesù, adesso Ti prego: riempimi con la Tua Misericordia, liberami da ogni peccato. Signore, nascondimi nelle Tue sante Piaghe. Sii Tu la mia forza, il mio sostegno. Guidami sulla via della salvezza.

O Misericordioso, io Ti presento tutta la mia vita: il passato, il presente e il futuro. O Signore, prendi tutto ciò che ho, affinché io possa appartenere a Te completamente. Signore, prendi tutte le mie debolezze e fa’ che io possa sentire la liberazione e la salvezza, e Tu, Signore, il Signore e il Salvatore della mia vita.

Mi abbandono a Te completamente. Fa’ che io possa compiere la Volontà del Padre nella mia vita. Perciò Ti prego: aumenta la mia fede. Effondi il Tuo Santo Spirito su di me e su tutti coloro che sono nella mia preghiera. Signore, fa’ che io sia pronto da questo momento a fare tutto ciò che il Padre Celeste aspetta da me.

Sii lodato e glorificato, Gesù, in tutti coloro che si abbandonano a Te. Perciò Ti prego: con la Tua Presenza liberaci dall’influsso del maligno, da ogni forza negativa, da ogni spirito impuro. La Tua Presenza, Gesù, distrugga l’influsso del peccato nella mia vita. Liberami da tutto ciò che provoca il peccato nella mia vita.

Signore, invoco la Tua Misericordia. Tu sei Dio Onnipotente. Perciò Ti prego: perdonami tutti i miei peccati. Ti ringrazio, Signore, perché il Tuo Amore non ha fine, il Tuo Amore è immenso e nel Tuo Amore non Ti stanchi mai di me, mi attiri a Te continuamente. Aiutami a lasciare tutti i miei progetti, desideri, ad abbandonarmi completamente a Te, per potermi abbandonare completamente a Te a alla Tua guida. Grazie, Signore Gesù!

Kyrie eleison...

Tutti voi presenti qui, le vostre famiglie e tutti coloro che sono nella vostra preghiera, benedica Dio Onnipotente: Padre + e Figlio e Spirito Santo. Amen.

Fonte: https://youtu.be/eX0DkRt3JTY (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Trascrizione e revisione a cura di P. Armando Favero)

Adorazione Eucaristica del 14 Marzo 2019

presieduta da fra Zvonimir Pavičić


Donaci la grazia di poter diventare coscienti della Tua reale Presenza tra noi..

Signore, senza di Te noi siamo soli, come orfani, e, quando siamo soli...

Signore, quando siamo davanti a Te, il nostro cuore è pieno di preghiere...

Canto: Oh, oh, oh! Adoramus Te, Domine!

- Ti adoriamo, Signore Gesù, nel Santissimo Sacramento dell’altare. In questi momenti dell’adorazione, Signore, donaci la grazia di poter diventare coscienti della Tua reale Presenza in mezzo a noi, cioè, che veramente Tu sei qui con noi e Ti doni a noi sotto le specie del Pane del Tuo Corpo.

Tu sei il Pane vivo disceso dal Cielo per noi, il Pane della vita che ci nutre per l’Eternità.

Signore, Tu hai detto: “Chi crede in me non morirà mai. Chi crede in me non avrà fame mai. Chi crede in me non avrà mai sete.” Signore, aumenta la nostra fede. Mentre siamo inginocchiati davanti a Te, fa’ che col cuore crediamo ciò che professiamo con le nostre labbra, che possiamo credere che Tu sei vero Dio, presente qui con noi.

Canto: Risveglia in me il desiderio di Te, o mio Signor!

           Con la Tua grazia rinnovami, sii la mia vita, Gesù mio Salvator!

- Signore, senza di Te noi siamo soli, come orfani, e, quando siamo soli, ci sentiamo insicuri, perché notiamo quanto siamo deboli, quanto siamo piccoli, davanti a questo mondo, davanti ai potenti di questo mondo. Ecco perché tanto  volentieri, Signore veniamo da Te e desideriamo incontrarti così spesso, e incontrarti sempre di più, Signore, stare con Te spesso. Quando siamo con Te non siamo soli, quando siamo con Te siamo forti, perché Tu allontani da noi ogni paura, paura della malattia, paura di colui che è più forte, paura di colui che ci opprime, paura del peccato e della perdizione. La Tua Presenza, Signore, la Tua vicinanza allontana ogni nostra paura e perciò godiamo nella Tua Presenza, e Tu, Signore, ci incoraggi, ci esorti ad invocarti come la Regina Ester, dicendo assieme con lei: “Vieni in aiuto a me, Signore, perché sono solo e non ho altro soccorso all’infuori di Te, Signore, all’infuori di Te che ci puoi aiutare. O Signore Gesù, fa’ che Ti veniamo incontro sempre volentieri e che la Tua Presenza possa riempirci, donarci il senso e la gioia della vita, affinché nei nostri cuori possa risvegliarsi la speranza, la speranza alla quale ci inviti Tu, speranza che Tu ci hai lasciato e che ci doni di giorno in giorno, la speranza che allontana da noi ogni paura.

Canto: Gesù, Tu sei il mio Dio! Gesù, Tu sei il mio Dio! (bis)

           Io credo in Te, io spero in Te (X2), Gesù!

- Signore, quando siamo davanti a Te, il nostro cuore è pieno di preghiere, pieno di implorazioni, perché sappiamo che Tu puoi esaudirci e che ci esaudirai se Ti preghiamo con cuore sincero, perché Tu ci hai detto: “Chiedete e vi sarà dato.” Signore, tanti si sono racco mandati alle nostre preghiere, portiamo tanti nei nostri cuori, e adesso li presentiamo a Te, affinché Tu, Signore, possa benedirli tutti e donare loro tutto il necessario. Grazie perché in questi momenti abbiamo potuto stare con Te e adorarti. Questa vicinanza, questa vicinanza sacramentale in questa Quaresima possa legarci ancora di più, avvicinarci ancora di più a Te, per poter assomigliare sempre di più a Te. Signore, dona la Tua benedizione a tutti noi!

Tantum ergo...Orazione. Kyrie, eleison... Benedizione eucaristica. Dio sia benedetto..

Canto finale: Gospa, Maika moia, Kralica mira...

Fonte: https://youtu.be/hEzPsec5Xts (Registrazione di Flavio Deagostini)

(Revisione e Trascrizione a cura di P. Armando Favero)

mercoledì 13 marzo 2019

Approfondimenti della fede - Video – Conferenza al XIII CONVEGNO ASSISI 2019 dell’Associazione “Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace” - Catechesi di don Renzo Lavatori: « Primo missionario della misericordia (Mc 5, 1-20) »

S. MARIA degli ANGELI 22-23-24 febb. 2019

XIII Convegno Nazionale

Santa Maria degli Angeli (PG), 22-23-24 febbraio 2019

Nei giorni 22, 23, e 24 febbraio si è svolto il XIII Convegno nazionale dell’Associazione “Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace”.

Il PALAEVENTI di Santa Maria degli Angeli ha ospitato per tre giorni i circa 1800 apostoli che da tutta Italia, guidati dagli incaricati regionali, sono convenuti  per il Convegno nazionale, appuntamento annuale diventato ora mai atteso.

I tre giorni del Convegno, che assume sempre di più l’impronta della preghiera e della formazione, sono stati ricchi di testimonianze e di momenti di profonda spiritualità.

La catechesi tenuta da Don Renzo LAVATORI è stata incentrata su un brano del Vangelo di Marco:  « Primo missionario della misericordia (Mc 5, 1-20) »

L’Associazione Apostoli della Divina Misericordia con Maria Regina della Pace è un’Associazione Privata di fedeli laici, nata da un cammino spirituale fatto a Medjugorie.
L’Associazione è nata nel 2004 in una piccola chiesa che si trova a 8 km dalla Parrocchia di Medjugorie (Surmanci) intitolata alla Divina Misericordia che custodisce un'icona di Gesù Misericordioso molto venerata.
La chiesetta dipende dalla medesima parrocchia di Medjugorie.
L’Associazione è nata grazie all’ispirazione del Padre Fondatore, Padre Francesco Maria Rizzi Ofm (Presidente dell’Associazione) durante un incontro di preghiera.

Approfondimenti della fede - Video - Catechesi di don Renzo Lavatori: « L'ora angosciosa nell'orto del Getsemani »

Catechesi di don Renzo Lavatori: « L'ora angosciosa nell'orto del Getsemani »
Chiesa di Santa Marcella all'Ostiense il 10 marzo 2019

Dal Vangelo di Marco (Mc 14, 32-46)

Giunsero intanto a un podere chiamato Getsèmani, ed egli disse ai suoi discepoli: «Sedetevi qui, mentre io prego». Prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e cominciò a sentire paura e angoscia. Gesù disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte. Restate qui e vegliate». Poi, andato un po' innanzi, si gettò a terra e pregava che, se fosse possibile, passasse da lui quell'ora. E diceva: «Abbà, Padre! Tutto è possibile a te, allontana da me questo calice! Però non ciò che io voglio, ma ciò che vuoi tu».Tornato indietro, li trovò addormentati e disse a Pietro: «Simone, dormi? Non sei riuscito a vegliare un'ora sola? [38]Vegliate e pregate per non entrare in tentazione; lo spirito è pronto, ma la carne è debole». Allontanatosi di nuovo, pregava dicendo le medesime parole. Ritornato li trovò addormentati, perché i loro occhi si erano appesantiti, e non sapevano che cosa rispondergli.

Venne la terza volta e disse loro: «Dormite ormai e riposatevi! Basta, è venuta l'ora: ecco, il Figlio dell'uomo viene consegnato nelle mani dei peccatori. Alzatevi, andiamo! Ecco, colui che mi tradisce è vicino».
E subito, mentre ancora parlava, arrivò Giuda, uno dei Dodici, e con lui una folla con spade e bastoni mandata dai sommi sacerdoti, dagli scribi e dagli anziani. Chi lo tradiva aveva dato loro questo segno: «Quello che bacerò, è lui; arrestatelo e conducetelo via sotto buona scorta». Allora gli si accostò dicendo: «Rabbì» e lo baciò. Essi gli misero addosso le mani e lo arrestarono.

lunedì 11 marzo 2019

Approfondimenti della fede - Video - Catechesi di don Renzo Lavatori: « Le tentazioni di Gesù nel deserto »

Catechesi di don Renzo Lavatori: « Le tentazioni di Gesù nel deserto » Centro di spiritualità Santa Berretta Molla - Acilia, Roma del 10 marzo 2019

+ Dal Vangelo secondo Luca (Lc 4, 1-13)

In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”». Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”». Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gettati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”». Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato. Parola del Signore