domenica 29 marzo 2015

Domenica delle Palme


VANGELO 
Benedetto colui che viene nel nome del Signore. 

 + Dal Vangelo secondo Marco (Mc 11,1-10) 


Quando furono vicini a Gerusalemme, verso Bètfage e Betània, presso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due dei suoi discepoli e disse loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito, entrando in esso, troverete un puledro legato, sul quale nessuno è ancora salito. Slegatelo e portatelo qui. E se qualcuno vi dirà: “Perché fate questo?”, rispondete: “Il Signore ne ha bisogno, ma lo rimanderà qui subito”». Andarono e trovarono un puledro legato vicino a una porta, fuori sulla strada, e lo slegarono. Alcuni dei presenti dissero loro: «Perché slegate questo puledro?». Ed essi risposero loro come aveva detto Gesù. E li lasciarono fare. Portarono il puledro da Gesù, vi gettarono sopra i loro mantelli ed egli vi salì sopra. Molti stendevano i propri mantelli sulla strada, altri invece delle fronde, tagliate nei campi. Quelli che precedevano e quelli che seguivano, gridavano: «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Benedetto il Regno che viene, del nostro padre Davide! Osanna nel più alto dei cieli!».

mercoledì 25 marzo 2015

Messaggio a Marija del 25 marzo 2015

“Cari figli! Anche oggi l'Altissimo mi ha permesso di essere con voi e di guidarvi sul cammino della conversione. Molti cuori si sono chiusi alla grazia e non vogliono dare ascolto alla mia chiamata. Voi figlioli, pregate e lottate contro le tentazioni e contro tutti i piani malvagi che satana vi offre tramite il modernismo. Siate forti nella preghiera e con la croce tra le mani pregate perché il male non vi usi e non vinca in voi. Io sono con voi e prego per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Commento di Padre Livio al messaggio del 18 marzo 2015

Messaggio straordinario a Mirjana del 18 marzo 2015

La veggente Mirjana Dragicevic ha avuto apparizioni giornaliere dal 24 giugno 1981 fino al 25 dicembre 1982. In occasione della sua ultima apparizione quotidiana, rivelandole il 10° segreto, la Vergine le rivelò che avrebbe avuto apparizioni annuali il 18 Marzo e così è stato in tutti questi anni. L'apparizione è iniziata alle ore 13,47 fino alle 13,53. La Madonna le ha dato il seguente messaggio:

"Cari figli, vi prego con tutto il mio cuore, vi prego purificate i vostri cuori dal peccato e rivolgeteli in alto verso Dio e verso la vita eterna. Vi prego, vegliate e siate aperti alla verità. Non permettete che tutte le cose di questa terra vi allontanino dalla conoscenza della vera soddisfazione che si trova nell’unione con il mio Figlio. Io vi guido sul cammino della vera sapienza, perché soltanto con la vera sapienza potete conoscere la vera pace ed il vero bene.

Non perdete il tempo chiedendo i segni al Padre Celeste perché il segno più grande ve l’ha già dato, ed è il mio Figlio. Perciò, figli miei, pregate affinché lo Spirito Santo possa introdurvi nella verità, aiutarvi a conoscerla e perché attraverso questa conoscenza della verità, possiate essere una cosa sola con il Padre Celeste e con il mio Figlio. Questa è la conoscenza che dona la felicità sulla terra ed apre la porta della vita eterna e dell’Amore immenso. Vi ringrazio."

Commento di Padre Livio al messaggio del 18 marzo 2015

Il messaggio è molto accorato. Ci sono molti imperativi.

Nella prima parte addirittura la Madonna dice accorata per tre volte:” vi prego, vi prego, vi prego!”, è proprio la Madre che vuole quasi scuotere i Suoi figli. Una volta ha detto: “vi supplico, convertitevi”.

La prima parte, a mio parere, è un invito chiaro alla Confessione pasquale perché dice: “vi prego con tutto il cuore, vi prego purificate i vostri cuori dal peccato e rivolgeteli in alto verso Dio e verso la vita eterna”. È tipico della Pasqua prepararsi purificando il cuore dal peccato mediante il Sacramento della Confessione, quindi vivere la vita nuova dei figli di Dio e anche le letture pasquali dicono: “cercate le cose di Lassù”, cioè “rivolgete i cuori verso l'alto, verso Dio e verso la vita eterna”, e la vita eterna è Gesù Cristo Risorto.

Poi è già la seconda volta che negli ultimi mesi la Madonna mette al centro del messaggio “la verità”, e questo ci fa riflettere. La verità che è suo Figlio, e che è la sua Parola, perché attraverso questa verità abbiamo la vera conoscenza, la vera scienza e la vera sapienza.

Perché la Madonna richiama sempre più nei suoi messaggi la verità? Perché viviamo nella tenebra della menzogna; il mondo è sotto la cappa di piombo della menzogna satanica che ci dice che Dio non c'è, che l'eternità non c'è, che l'uomo è padrone del mondo, che dopo la morte non c'è più niente, che ci dice che il male è bene, il male che vuol disgregare addirittura i fondamenti stessi della creazione di Dio, e la Madonna ci dice: ”vegliate”, non fatevi catturare, non adagiatevi, non sottomettetevi alla menzogna del mondo, che viene diffusa nella nostra società, dove regna immersa nelle tenebre della morte, ma ci sono anche forme aggressive che addirittura uccidono in nome di un idolo che credono che sia Dio.

Perciò la Madonna ci dice “vegliate”, cioè state nella luce, state fermi e saldi nella fede e si rivolge anche ai non credenti che sono rinserrati nella gabbia dei loro pregiudizi e dice “e siate aperti alla verità”, che è suo Figlio.

Poi la Madonna dice un altro imperativo: “Non permettete che tutte le cose di questa terra vi allontanino dalla conoscenza della vera soddisfazione che si trova nell’unione con il mio Figlio”, cioè non fatevi catturare dall'illusione dell'effimero, perché l'effimero non vi dà la gioia, non vi dà la felicità. “Avrete la felicità soltanto attraverso la conoscenza di mio Figlio e la soddisfazione che avete ricevendo il suo Amore. Questa è la felicità, l'Amore che viene dal Cuore di mio Figlio e non fatevi catturare dalle false luci di questo mondo, da quelle scintille che si accendono e si spengono”.

Perciò dice: “vi prego vegliate”, “non permettete che tutte le cose di questa terra”, che son polvere alla fin fine, vi allontanino dalla conoscenza della vera soddisfazione che si trova nell’unione con il mio Figlio”. Alla fine l’unica cosa interessante che c’è su questa terra è Gesù Cristo, tutto il resto muore, si dissolve, diventa cenere.

Poi la Madonna dice qual è il suo ruolo, il suo compito: condurre a suo Figlio che è la verità, la luce, la sapienza: “io vi guido sul cammino della vera sapienza, verso mio Figlio, verso la sua Parola, verso la sua luce, perché soltanto con la vera sapienza, cioè alla luce dell’insegnamento di mio Figlio, voi potete conoscere la vera pace, quella che ci dà Dio, non quella falsa del mondo. Qual è il vero bene? Quello che ci viene dall’unione con Dio, dal suo Amore, non dall’effimero che promette e non mantiene, acqua, bevuta la quale, si ha ancora sete.

La Madonna, come vedete, ha inquadrato proprio bene il cammino verso l’eternità, verso la salvezza dove Lei ci precede dietro a suo Figlio: “Io vi guido sul cammino della vera sapienza”, la vera sapienza è quella della Croce, della Parola di Dio, è la persona stessa di Cristo, “perché soltanto con la vera sapienza potete conoscere cos’è la vera pace e il vero bene”.

Poi la Madonna fa una tirata di orecchie a chi continua a cercare segni, a cercare stranezze, a fare profezie, tutti perditempo che lasciano il tempo che trovano: “non perdete il tempo”, un altro imperativo, “chiedendo i segni al Padre Celeste”, anche le speculazioni su cosa sarà il segno sulla montagna, chiacchiere inutili. Alla Madonna interessa solo la nostra conversione, la nostra santità, tutto il resto è tempo perso, “perché il segno più grande il Padre ve l’ha già dato, ed è il mio Figlio”, il segno più grande che esiste al mondo e che Dio ci ama, che Dio ci perdona, che Dio ci salva e che ci dà la vita eterna èla morte di Cristo per amore, la sua Resurrezione vittoriosa sul male e sulla morte, il segno dei segni è Gesù Cristo stesso Crocifisso.

Perciò, figli miei, pregate”, un altro imperativo, “siete nelle tenebre, sbandati, non sapete chi siete e dove andate, affinché lo Spirito Santo possa introdurvi nella verità, aiutarvi a conoscerla e perché attraverso questa conoscenza della verità,” che è suo Figlio, la sua Parola, “possiate essere una cosa sola con il Padre Celeste e con il mio Figlio”.

Poi il finale: “Questa è la conoscenza che dona la felicità sulla terra”, è una conoscenza amorosa, “ed apre la porta della vita eterna e dell’amore immenso”. Questo non l’avevo mai sentito, mai trovato, una definizione così del Paradiso: “l’Amore immenso”, seguendo e amando Gesù Cristo, Lui ci dà già “la felicità su questa terra e ci apre la porta della vita eterna e dell’amore immenso”, là sbocca la nostra vita, in alto i cuori, stiamo andando verso l’amore immenso, che bellezza, meno male che gli istanti scorrono via veloci, il tempo non si ferma, “stiamo andando verso l’Amore immenso”.

Vi ringrazio.”

Dopo il Vangelo, la Parola di Dio, io non conosco nessuno scritto che sia paragonabile ai messaggi della Madonna, perché tutti i commenti alla Parola di Dio sono scritti da persone che camminano su questa terra, anche i Santi, nell’oscurità della fede, sotto la pesantezza della carne, certo è importante, scritti da persone soggette alla condizione umana di chi vive nella fede, invece la Madonna, Lei è la piena di Grazia, è nel Regno, contempla Dio, è piena di sapienza, per questo i suoi messaggi hanno una luce che nessuna parola umana, a mio parere, ha.

Io non ho mai letto cose di questo genere da nessuna parte.

Poi Mirjana ha aggiunto: ”Questa bellissima giornata della venuta della Madonna in mezzo a noi sulla Terra, il Paradiso che scende sulla Terra, non è perché è il mio compleanno. La Madonna non ha fatto neanche cenno al mio compleanno, perché per Lei il mio compleanno è come il compleanno di ognuno di voi. Quando cominceranno a rivelarsi le cose per le quali è venuta, capirete perché ha scelto il 18 Marzo”.

Quando inizieranno a rivelarsi i segreti, che sono, come sapete, un evento salvifico durante il quale la Madonna 3 giorni prima rivela che cosa, dove e quando accadrà, allora capiremo perché la Madonna ha scelto il 18 marzo.

Fonte: “Trascrizione dall’originale audio ricavata dal sito: www.medjugorjeliguria.it