domenica 29 dicembre 2013

Commento al messaggio da Medjugorje del 25 dicembre 2013 - Santo Natale

 

"Cari figli! Vi porto il Re della pace perché Lui vi dia la Sua pace. Voi, figlioli, pregate, pregate, pregate. Il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il Suo Regno. Io con il mio figlio Gesù vi benedico tutti con la benedizione della pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

La veggente Marija Pavlovic Lunetti a Radio Maria:

Marija: La Madonna questa sera, come ad ogni Natale, è arrivata con Gesù Bambino in braccio, era serena e aveva i vestiti dorati. Nel momento dell’apparizione io ero in trepidazione perché l’anno scorso la Madonna non aveva dato il messaggio ma aveva parlato Gesù Bambino, che aveva detto: “IO SONO LA VOSTRA PACE. VIVETE I MIEI COMANDAMENTI”. Mi aspettavo che succedesse ancora qualcosa di diverso, invece la Madonna con serenità ha dato questo messaggio con gioia e, assieme al suo Bambino Gesù, ha dato la benedizione.

P. Livio: Però ha detto: “Vi porto il Re della pace perché Lui vi dia la sua pace”. Quelli che non hanno questa pace che dà Gesù, puoi spiegarmi come possono ottenerla?

Marija: Penso che la Madonna ha già risposto dicendo: “Voi, figlioli, pregate, pregate, pregate e il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il suo regno...”. Se abbiamo Dio, abbiamo già trovato la pace, la gioia e la serenità delle persone che sono di Dio in ogni situazione.

P. Livio: Una volta la Madonna ha dato a Mirjana un messaggio come questo: “Se accoglierete il Re della pace, questo secolo sarà un secolo di prosperità e di pace”. Cioè un messaggio di grande speranza.

Marija; Si. La Madonna non ha mai perso la speranza, sempre ce la dona e sempre ripete che la speranza è contenuta nel messaggio che Lei dà. Infatti dice: “Convertitevi e cambiate la vostra vita”. Molte volte ci ha detto che non possiamo andare avanti così. Nell’anno santo ci ha detto:“Senza Dio non avete né futuro, né vita eterna”. Non abbiamo un futuro se non abbiamo Dio, se non mettiamo Dio al primo posto nella nostra vita. Senza Dio non abbiamo né futuro, né pace, né prosperità, perché uno che non ha Dio è una persona non completa; invece quando abbiamo Dio viviamo in armonia.

P. Livio: La Madonna parla sempre di pace nei nostri cuori e pace nelle famiglie, forse perché il Natale è anche un po’ la festa della famiglia.

Marija: Questa festa di Natale si sente ancora qui a Medjugorje come festa della famiglia. Già in Avvento noi la mattina alle sei abbiamo le Sante Messe dell’Aurora e ogni mattina la chiesa era piena, soprattutto di giovani. Qui si vede lo spirito natalizio che ancora vive della tradizione: con la Messa, la preparazione per il Natale, l’idea della Sacra Famiglia come modello di famiglia unita e l’idea della festa di Natale come festa di famiglia.

P. Livio: Sono arrivato da due giorni e ho visto che in questi giorni non ci sono molti pellegrini, ma sono proprio i parrocchiani che partecipano moltissimo alle funzioni.

Marija: Si. Oggi però per la S. Messa degli italiani, la cappella dell’adorazione era strapiena. Ho visto anche un gruppo di tedeschi e c’era un gruppo anche alla Messa dei francesi. Ho sentito che stanno arrivando molti pellegrini già da domani, soprattutto dall’Italia, per gli ultimi giorni dell’anno.

<<< >>>

Marija ha quindi pregato il “Magnificat” e il Gloria.

... e Padre Livio ha concluso con la benedizione.

Marija e P. Livio

 

Fonte: Medjugorje Oggi

Nessun commento: